Lega Nord: “Sentinelle civili a presidio del territorio”

Sentinelle civili impiegate nel controllo del territorio di Vicenza. Questo è quanto il segretario provinciale della Lega Nord, Antonio Mondardo, chiede ai Comuni, e non solo quelli della Lega. L’invito è quello di accogliere, ma anche di favorire la creazione di questi gruppi, da usare proprio nel controllo del territorio. La proposta è stata avanzata dopo l’ultimo episodio di violenza privata, perpetrato nella nostra provincia. Il riferimento è al caso di Ornella Maculan, 85 enne, vedova e con figlio disabile a carico, rapinata e picchiata nella sua abitazione di via Cresolella, ai confini fra Vicenza e Caldogno.

A titolo di esempio, Mondardo ha citato  Mille occhi per te, di Monticello Conte Otto, una recente iniziativa, elaborata dagli stessi residenti, che si propone di trasformare i cittadini in sorveglianti dei propri vicini, attenti a monitorare movimenti sospetti. Non si parla di ronde o della volontà di sostituire le forze dell’ordine ma di un atto concreto che permetterebbe di aumentare la sensazione di sicurezza nel nostro territorio. L’iniziativa fungerebbe anche da deterrente e permetterebbe alle forze dell’ordine di disporre di informatori civili sulle situazioni di pericolo, esistenti o potenziali.

“Sulla sicurezza – ha messo in evidenza il segretario leghista – non sono ammessi vuoti di alcun genere e la situazione di governo attuale ha lasciato molto più di un vuoto nella tutela dei cittadini. Non passa giorno in cui le pagine di cronaca della provincia di Vicenza non riportino furti, rapine, aggressioni o risse. E’ evidente che il poco impegno del governo nel sostenere le forze dell’ordine, di fronte ad un’autentica emergenza, rende il controllo del territorio sempre più problematico, con una diminuzione del livello di sicurezza su tutta la provincia. Si deve poi aggiungere il fatto che, in questo periodo, molti uomini sono incaricati di presidiare i punti sensibili, potenziali obiettivi terroristici. Il che si traduce in una manna per le bande di ladri”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità