Breaking News

Danza contemporanea al Teatro Busnelli di Dueville

Il festival “A taste of dance. Frammenti di danza contemporanea” si espande ed esplora nuovi spazi. Iniziata nel 2014 al Teatro Busnelli, di Dueville, ed ormai giunta alla terza edizione, la rassegna di danza continua la sua sinergica collaborazione con “Contemporary dance workshop”, organizzato da Sinedomo Dance District, dando la possibilità ad artisti emergenti di esprimere la loro creatività in nuovi spazi. Quest’anno, oltre che nello spazio padovano Vib, workshop e performance saranno ospitate nel vicentino dal nuovissimo spazio Cuca, a Sovizzo, un Centro urbano e culturale pronto ad accogliere laboratori e spettacoli di tutti coloro che vogliano condividere e far conoscere la propria arte.

Si parte sabato 7 novembre, alle 20.30, con la prima performance. Ad andare in scena sarà la compagnia vicentina Ex Novo Danza. Catalogo di varia Umanità, con “Waldeinsamkeit… Un racconto indie-pop”. Il coreografo Cristiano Cappello si ispira a Dickinson per compiere una breve riflessione su se stesso e l’essere uomo solo.

“Un’indagine sulla solitudine – si legge in una presentazione – e sul non sapere se la si desidera o meno; sul confronto con ciò che è diverso al fine di capire se è davvero ciò che manca per riempire l’incolmabile vuoto che sembra divorare l’essere umano da dentro. I danzatori si esprimono in un racconto che oscilla tra il sogno e l’incubo, radicato nella realtà ma che aspira al fiabesco, dove nulla è ciò che sembra e anche l’oggetto più confortante è in realtà pronto a rivelare la sua natura più oscura”.

La pièce sarà preceduta dal singolare intervento di Licia Tirapelle, con una performance di tip tap, e da coreografie di Lorenzo Tonin danzate dal gruppo Sinedomo e dal gruppo padovano della scuola Vivere il Balletto. Nel pomeriggio alle 15, sempre allo spazio Cuca, i danzatori avranno la possibilità di iniziare il ciclo di laboratori Contemporary dance workshop 2015-2016, con l’artista Sofia Barbiero, per la prima volta a Vicenza direttamente dal suo percorso artistico con la Spellbound dance Company di Mauro Astolfi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *