Breaking News
Cristiana Morganti in "Jessica and me" - Foto Claudia Kempf
Cristiana Morganti in "Jessica and me" - Foto Claudia Kempf

Danza, al via la rassegna “Corpo a Corpo”

E’ stato presentato ieri, a Vicenza, a Palazzo Trissino, il progetto “Corpo a corpo” che unisce in rete le maggiori realtà teatrali della città, ovvero il Teatro Comunale, il Centro di produzione teatrale La Piccionaia, del Teatro Astra, e l’associazione culturale Theama Teatro, del Teatro Spazio Bixio. «Questa iniziativa, che consiste nel mettere a disposizione del pubblico un cartellone comune tra i tre teatri, – spiega Pier Giacomo Cirella, segretario generale del Teatro Comunale di Vicenza – esprime la volontà delle realtà teatrali vicentine di agevolare gli abbonati che possono così assistere agli spettacoli delle altre strutture a un prezzo favorevole».

Ognuno dei teatri della rete “Corpo a corpo” propone infatti, all’interno della propria programmazione, degli spettacoli dei generi danza contemporanea e teatro fisico che sono accessibili agli abbonati ai tre teatri al modico prezzo di 7 euro. «Questa è una forma di aiuto e sostegno – continua Cirella – che vuole andare incontro a coloro che vogliono vedere il maggior numero di spettacoli di danza e di teatro fisico».

Parlando di questa “start-up” teatrale, Sergio Meggiolan, curatore artistico del Teatro Astra per il Centro di produzione teatrale La Piccionaia, ha presentato il logo della rassegna in cui otto lettere si leggono in un ciclo continuo. «Il nome del progetto si ispira al fatto che i corpi, ovvero i soggetti, si affrontano tutti i giorni quotidianamente attraverso una serie di iterazioni. Questo cartellone non coinvolge solo la danza contemporanea, ma anche il teatro fisico e visivo, un genere che privilegia l’uso del corpo rispetto alla parola e spesso si serve di mezzi comunicativi altri come la musica, la danza e l’arte visiva per veicolare il proprio messaggio. Nel progetto rientrano anche soggetti del territorio riconosciuti a livello regionale: l’associazione culturale Artemis, la Rev (Rete veneta arti performative) e infine Arteven che si occupano in particolar modo di dare spazio ad artisti emergenti e a pratiche di formazione».

Secondo il vicesindaco e assessore alla crescita Jacopo Bulgarini D’Elci questa sfida si prospetta avvincente: l’obiettivo primario di “Corpo a Corpo” è quello di «diffondere ancor di più la cultura di danza in una città come Vicenza diventata e riconosciuta come palcoscenico eccellente del genere coreutico a livello nazionale». Sarà la rassegna “Danse&Move” del Teatro Spazio Bixio, curata da Alessandro Bevilacqua di Theama Teatro, a inaugurare il progetto. Il primo appuntamento si terrà infatti sabato 14 novembre al Teatro Spazio Bixio alle ore 21 e protagonista sarà “La volta ossea”, prima assoluta della compagnia Art(H)emigra Satellite, un’intensa riflessione scenica sul mutamento come risorsa ultima dell’essere umano rispetto alla propria sopravvivenza e al senso della stessa in funzione di una continua possibilità evolutiva.

«A dimostrazione che non si tratta solo di danza – spiega Bevilacqua – porto come esempio il secondo appuntamento di “Danse&Move” dal titolo “Grafiche del silenzio” che si ispira all’arte marziale giapponese». Per maggiori informazioni sugli spettacoli in programma al Teatro Astra (26 novembre con “Mdlsx” della compagnia Motus, 11 marzo con “Marzo” dei Dewel Dell” e 9 aprile con “Amleto” di Collettivo Cinetico), al Teatro Spazio Bixio (14 novembre con “La volta ossea” di Art(H)emigra Satellite, 12 dicembre con “Grafiche del silenzio”, 23 gennaio con “Arkar” e “Litost-the-Otherness e 5 marzo con “Mary’s Bath”) e al Teatro Comunale di Vicenza (20 febbraio con “Jessica and me” di Cristiana Morganti, 18 marzo con “What is Classic” di Choreographic Collision, 21 aprile con “Venus” di Nicola Galli, “Solo from Tempesta” di Cristina Rizzo, “E-Ink” di Michele di Stefano e 6 maggio con “L.A.N.D. Where is my love” di Daniele Ninarello) vedere sul sito www.corpoacorpo.it

Camilla Bottin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *