Nella foto, l'attuale impianto di depurazione
Nella foto, l'attuale impianto di depurazione

Castegnero e Nanto, lavori nella rete fognaria

Quasi tre milioni di euro per migliorare il sistema di fognatura e di depurazione a Castegnero e a Nanto. Questo progetto, di Acque vicentine, punta a rendere le strutture più moderne e funzionali, così da assicurare maggiore efficienza e affidabilità dei processi e minori costi di gestione e manutenzione.

Nello specifico, il progetto prevede due fasi d’intervento. La prima, che inizierà a breve, porterà all’ampliamento dell’impianto di depurazione di via Frassenà a Castegnero. Questi lavori consentiranno di migliorare la capacità di rimuovere la sostanza organica e le altre sostanze eutrofizzanti dalle acque reflue, garantendo, così, elevati standard di qualità allo scarico, tutelando in maniera maggiore l’ecosistema che riceve l’acqua depurata. La seconda fase, programmata per il 2017, avrà come oggetto l’estensione e la separazione della rete fognaria in via Terminon e Cà Storta, sempre a Castegnero. L’intervento al depuratore permetterà, inoltre, di procedere alla dismissione dell’impianto di Nanto.

Questi lavori permetteranno di aumentare di quasi tre volte la potenzialità dell’impianto. “Il progetto – si legge in una nota di presentazione – prevede il recupero delle strutture esistenti, con la realizzazione di un nuovo impianto di trattamento biologico a fanghi attivi di tipo tradizionale, suddiviso in due linee parallele. Si procederà quindi alla demolizione di una delle due vasche di fitodepurazione esistenti e, sfruttando le aree a disposizione, si costruirà la nuova sezione di depurazione biologica. Il secondo bacino di fitodepurazione sarà invece mantenuto per poterne sfruttare le capacità di disinfezione naturale”.

“Il progetto – ha sottolineato il presidente di Acque vicentine, Angelo Guzzo – risponde alle richieste dei cittadini e degli amministratori ed è in linea con l’impegno ambientale che caratterizza la nostra società. In questo modo, quello che i cittadini pagano con le bollette, torna come investimenti nel territorio sotto forma di soluzioni moderne, sicure e adeguate.”

“Negli anni – ha aggiunto il sindaco di Nanto, Ulisse Borotto – la nostra comunità è cresciuta in maniera significativa dal punto di vista demografico. La nota dolente era un impianto di depurazione obsoleto e con una capacità inferiore ai fabbisogni. Acque Vicentine ha ora la possibilità di ampliare l’impianto di Castegnero e, dunque, il nostro sarà declassato alla sola raccolta delle acque bianche”. “I lavori di estensione della rete fognaria – ha concluso il sindaco di Castegnero, Luca Cavinato, soddisfano i parametri regionali e le istanze espresse dai cittadini in più occasioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità