Breaking News

Basket, il Famila Schio travolge Sesto San Giovanni

Ennesimo ampio successo ieri sera del Famila Wuber Schio. Nell’anticipo valido per il settimo turno dell’Almo nature cup, le arancioni si sono sbarazzate, sul parquet di casa, del Geas Sesto San Giovanni, con un energico 102-54. Questo risultato conferma il buon momento di forma delle campionesse d’Italia, che hanno disputato il match senza Ress e Yacoubou. La partita del PalaCampagnola, però, è stata poco avvincente, così come è stato spento il clima dentro il palazzetto.

Venendo alla cronaca dell’incontro, dopo il minuto di raccoglimento per ricordare le vittime degli attentati parigini di ieri, la sfida si avvia con un canestro dalla lunga distanza di Anderson, 3-0. Subito dopo Mandache apre le marcature del Geas, 3-2. Walker finalizza il gioco a due con Battisodo, 5-2 e poi Anderson va ancora a segno da tre, 8-2. A metà quarto, il Famila doppia le rossonere, 18-9. Il cronometro scorre senza troppe pause e il ritardo delle milanesi aumenta sempre più, fino al -17, 33-16, grazie al quinto centro da tre punti, su cinque tentati, di Anderson. Mandache va a segno due volte e il primo parziale si chiude, dunque, sul 33-20.

Sottana dice la sua dall’arco dei 6,75, 36-20. La partita sembra a due velocità, quasi doppia quella di Schio, rispetto al ritmo più calmo delle ospiti. Ma ecco che si assiste ad un cambio repentino di ruoli. Sul 43-24, infatti, le padrone di casa entrano in modalità “torno subito” e Sesto ne approfitta per andare a referto, con il 9-0 di Madonna, Ercoli, e Arturi, 43-33. Gli ultimi due minuti vedono in ripresa le scledensi, che vanno all’intervallo lungo sul +14, 51-37.

Tre centri in successione, Mandache-Zandalasini-Ercoli, accendono il terzo tempo, 53-41. Poi il Geas si fa da parte e lascia spazio alle arancioni che, con calma, in oltre sei minuti, costruiscono un break di 13-0, 66-41, segno che la difesa a zona delle ragazze di Mendez funziona bene. Sul 71-43, Gatti fa il suo ingresso sul parquet, in cabina di regia, assieme a Sottana. Sono proprio della play bergamasca gli ultimi punti di questa frazione, 73-45.

Il gancio di Bestagno porta a 30 le lunghezze di vantaggio di Schio, 75-45. Questi ultimi dieci minuti sono quelli in cui il divario tra i quintetti in campo si fa più marcato. Lo si vede nei punti segnati, 29 quelli di Famila, contro i 9 del Geas. Ma lo si nota anche nei rimbalzi conquistati, 22 a 2. E questo testimonia lo spirito delle venete che, nonostante il corposo vantaggio, provano ad arpionare ogni pallone. Il +34, 85-51, si trasforma in un +43, 94-51, grazie a Sottana, Lisec e Walker. A 2’ dalla fine dell’incontro, Schio conduce per 99-54 e Battisodo va in lunetta con due liberi a disposizione. Quando la numero sette arancione sbaglia entrambi i personali, il 100 sul tabellone sembra svanire, ma non è così, perché la play cattura il rimbalzo e infila la tripla del 102-54 finale. Ora il campionato italiano si fermerà per lasciare spazio alla nazionale e alle due partite di qualificazione per l’Europeo del 2017, contro l’Albania e la Gran Bretagna. L’ottava giornata di A1 si giocherà domenica 29 novembre.

SCHIO: Gatti 5, Sottana 14, Battisodo 11, Anderson 26, Masciadri 2, Lisec 8, Walker 14, Zandalasini 4, Macchi, Bestagno 18

SESTO SAN GIOVANNI: Arturi 2, Kacerik 3, Galli 6, Grassi, Gambarini ne, Madonna 4, Barberis 11, Bonomi 3, Mandache 18, Ercoli 7

Ecco gli altri risultati:

  • Venezia – Lucca 69-75
  • Vigarano – Battipaglia 79-82
  • Napoli – Ragusa 53-65
  • Orvieto – Torino 49-52
  • Parma – Umbertide 49-75
  • Cagliari – San Martino di Lupari 69-65

CLASSIFICA: Schio e Lucca 14, Ragusa 12, Venezia 10, San Martino di Lupari e Umbertide 8, Parma, Cagliari e Torino 6, Orvieto, Battipaglia e Napoli 4, Sesto San Giovanni 2, Vigarano 0

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *