martedì , 27 Aprile 2021
Il carcere di Vicenza
Il carcere di Vicenza

Vermi al San Pio X di Vicenza, il Pd chiede interventi

Ha dato i suoi effetti la denuncia delle difficili condizioni di lavoro degli agenti di custodia nel carcere San Pio X di Vicenza, fatta nei giorni scorsi dai responsabili regionale e provinciale della Funzione Pubblica Cgil, Giampietro Pegoraro e Agostino Di Maria. Riprese da un po’ tutti gli organi di informazione, le parole dei due sindacalisti davano conto della presenza di vermi e larve nei pasti del personale della casa circondariale. Ebbene, un primo effetto sta in una iniziativa di tre membri del Partito Democratico di Vicenza, Stefano Dal Pra Caputo, Bianca Ambrosini e Giacomo Possamai che, come consiglieri comunali, hanno presentati una interrogazione sulla vicenda.

“Il servizio – scrivono nell’interrogazione – è in appalto esterno alla società Dj Service di Bergamo. Si è inoltre aggiunta la segnalazione che il locale adibito a mensa del personale, risulterebbe avere delle mancanze di tipo igienico, testimoniate anche dalla presenza di ratti e topi. 
Infine il direttore del carcere, Fabrizio Cacciabue, segnala un decadimento delle strutture che richiede pesanti interventi di manutenzione straordinaria”.

“Consapevoli della difficoltà e della delicatezza del lavoro svolto dalla Polizia Penitenziaria – continuano i tre consiglieri comunali Pd -, in condizioni spesso precarie, e consci che la gestione delle carceri e del personale addetto non è di competenza del Comune di Vicenza ma dello Stato italiano e che il bando per l’affidamento del servizio di mensa è gestito dalla Regione, chiediamo quali azioni il Comune di Vicenza pensa di intraprendere nei confronti della Regione Veneto per tutelare il diritto a consumare pasti decorosi”.

Dal Pra Caputo, Possamai e Ambrosini chiedono anche come si comporterà il Comune nei confronti della Ulss 6, che doveva controllare, e cosa farà per sollecitare lo Stato Italiano, e in particolare il Ministero della Giustizia, ad intervenire con la manutenzione straordinaria che la struttura richiede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità