lunedì , 1 Marzo 2021

Valdagno, 36 nuove case di edilizia sociale

“Una edilizia residenziale pubblica rispettosa dell’ambiente, che riqualifica il territorio con una nuova concezione del costruire volta all’abitare di qualità”. Così ha definito, Valentino Scomazzon, presidente dell’Ater di Vicenza, la realizzazione ed inaugurazione, ieri, di 36 nuovi appartamenti sociali a Valdagno. L’intervento edilizio, firmato Ater, si è concretizzato in tre fabbricati, in via Tomba, come dicevamo con 36 appartamenti destinati alla locazione sociale, di una metratura compresa tra i 47 ed i 60 mq. a seconda che abbiano una o due camere. Tutti sono dotati di un’ampia zona soggiorno e pranzo, con angolo cottura, servizi disimpegnati da zona ripostiglio, ampia terrazza e posto auto riservato nel piano seminterrato.

Valentino Scomazzon
Valentino Scomazzon

Ogni appartamento è completo di impianto di ventilazione meccanica con recupero di calore, di predisposizione per l’impianto di condizionamento, dell’impianto di recupero di acque piovane ad accumulo per uso sanitario e dell’impianto di riscaldamento a pavimento radiante. Sul tetto invece è stata posta una copertura con impianti solare fotovoltaico e solare termico integrati, mentre l’impianto di riscaldamento è centralizzato. Rivoluzionaria, in quanto applicativa dei criteri dell’edilizia sostenibile, la progettazione stessa dell’edificio che ha tenuto conto, mediante uno studio simulato al computer, dell’esposizione alla luce del sole di ogni singolo appartamento, per la valutazione dei carichi di luce estivi ed invernali.

Data l’ampiezza del lotto sul quale è stato realizzato l’intervento, un’estesa zona è stata destinata a verde a servizio degli edifici. La restante porzione dell’area è riservata a parcheggi che saranno parzialmente destinati anche ad uso pubblico.  La realizzazione delle tre palazzine ha comportato un investimento complessivo di circa 4,2 milioni di euro. “Grazie alla collaborazione con l’amministrazione comunale – ha sottolineato Scomazzon – abbiamo raggiunto un notevole risultato per tutta la collettività, un segno tangibile dell’impegno dell’Ater a favore di quella fascia sociale che vive un forte disagio abitativo e che va sostenuta, nonostante la sempre maggiore difficoltà a reperire le risorse necessarie”.

“Con la consegna di questi nuovi alloggi – ha aggiunto Giancarlo Acerbi, sindaco di Valdagno – portiamo a termine una preziosa azione a favore delle fasce meno abbienti della popolazione, ampliando così la disponibilità di strutture sul nostro territorio. Per la realizzazione del progetto è stata messa in campo una efficace sinergia tra il Comune, che ha messo disposizione il terreno ed ha collaborato alla progettazione, e l’aver. Come Comune abbiamo sostenuto in vari modi le fasce più deboli nel settore casa: dai contributi sugli affitti al canone concordato, fino ad interventi mirati ad evitare gli sfratti e a favorire la sistemazione più idonea.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità