lunedì , 27 Settembre 2021
Il celebre dipinto del Caravaggio dal titolo emblematico: "I bari"
Il celebre dipinto del Caravaggio dal titolo emblematico: "I bari"

Teatro, “Il giocatore” di Goldoni in scena al Busnelli

E’ questo il periodo in cui ripartono le stagioni teatrali, e così è anche per la compagnia Ensemble Teatro di Vicenza che questo sabato torna sul palco del Teatro Busnelli di Dueville. All’interno della rassegna di teatro popolare Radici e di Teatro Incontri, la compagnia porterà lo spettacolo di Carlo Goldoni, “Il giocatore”, adattamento e regia di Roberto Giglio. Tra gli attori che si esibiranno nella commedia, Marco Artusi, Catuscia Gastaldi, Irma Sinico, Alessandro Bonollo, Claudio Manuzzato, Leris Zanon e Andrea Pilotto. Si tratta di una piece teatrale poco conosciuta, di una attualità a tratti impressionante, opera di uno degli autori fondamentali della nostra storia teatrale.

Lo spettacolo narra di Florindo, il giocatore, che preso dal vizio del gioco, cade nelle mani di Lelio, giocatore disonesto. Trovando nel gioco la sua rovina, perde la fidanzata Rosaura, l’amante Beatrice, le amicizie, e solo l’intervento del vecchio Pantalone, che costringerà Lelio a restituire parte del mal tolto, lo salverà dal pericolo di sposare l’ottantenne Gandolfa sorella dello stesso Pantalone,  oltre che vecchia, frivola e viziosa zia di Rosaura.

“Il giocatore” è una delle commedie di Goldoni che vengono, a torto, più trascurate, eppure è ancora di un’attualità sconvolgente, con un testo raro, ma poco considerato nella tradizione teatrale italiana. La dipendenza dal gioco d’azzardo era un tema molto radicato nell’Europa del diciottesimo secolo, ed è molto attuale ancora oggi. Il gioco, scriveva Carlo Goldoni conduce l’uomo in uno stato miserabile, i giocatori sono uomini colla testa sempre confusa, pieni di speranze e pieni di vizi, collerici. Odiosi quando vincono, ridicoli quando perdono, senza amici, negligenti, malsani, traditori di se stessi e della propria famiglia.

Un ritratto impietoso, che oltre a stigmatizzare un vizio, mette a nudo la psicologia di chi ha fatto del gioco una ragione di vita, dove il quotidiano del giocatore è una realtà stravolta che ruota nei luoghi dove si può solo perdere del denaro, affetti e dignità.  L’inizio degli spettacolo è alle 20.45, con apertura della biglietteria alle 20. L’acquisto dei biglietti in prevendita, senza costi aggiuntivi e con scelta del posto a sedere, è possibile il mercoledì, dalle 9 alle 12, e il sabato dello spettacolo, dalle 15 alle 18.30. Per ogni informazione: www.dedalofurioso.it, telefono 0444-1873340.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità