domenica , 7 Marzo 2021

Marostica apre le prevendite della Partita a scacchi

Marostica gioca d’anticipo e apre le prevendite della prossima Partita a scacchi a personaggi viventi, organizzata dalla associazione Pro Marostica, in collaborazione con il Comune e con il sostegno della Regione del Veneto. Gli spettacoli saranno in programma, in diverse fasce orarie, venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 settembre 2016. Per ogni rappresentazione, saranno disponibili 4 mila posti a sedere.

La biennale partita a scacchi mobilita gran parte dei cittadini, grazie alla macchina organizzativa dell’associazione Pro Marostica. Forti del successo dell’ultima edizione, che ha registrato un sold out di quasi 16 mila biglietti venduti, si è deciso di anticipare l’apertura delle prevendite per incentivare la partecipazione del pubblico, soprattutto straniero.

Oltre che sui tempi, si è pensato di intervenire anche sul costo dei ticket, differenziati per settori e repliche, con possibilità di scegliere tra tagliandi che vanno da 15 euro ad 80 euro. Altre novità riguardano le tariffe ridotte, una riservata ai bambini fino ai 12 anni e una destinata alle famiglie, con riferimento allo spettacolo della domenica pomeriggio. I biglietti in prevendita sono disponibili sul circuito Vivaticket e, a breve, su Ticketone, oltre che negli uffici di Pro Marostica in Piazza Castello.

Ed ecco una breve sintesi dei fatti narrati nella celebre rievocazione marosticense. La storia è tratta da un testo di Mirko Vucetich, e ripercorre, con più di seicento figuranti in costume d’epoca, la vicenda di Lionora, figlia del castellano di Marostica, Taddeo Parisio, e dei due giovani, Rinaldo d’Angarano e Vieri da Vallonara, che si contendono la mano della ragazza. Per evitare spargimenti di sangue, rifacendosi ad un editto della Serenissima, il castellano decise di concedere la mano di sua figlia a chi, tra i due pretendenti, avesse vinto una partita a scacchi, offrendo, poi, in sposa allo sconfitto, Oldrada, la sorella del governatore.

Il vincitore dell’incontro, che si svolge nella piazza del Castello da basso, con personaggi viventi, verrà salutato da un tripudio di festa e di colori, con l’illuminazione del Castello e fuochi d’artificio. La leggenda vuole infatti che Lionora, segretamente innamorata di uno dei ragazzi, avesse fatto sapere al contado che il mastio si sarebbe acceso se a vincere fosse stato il suo innamorato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità