Breaking News

Marano, amministrazione nel mirino della Lega Nord

Tira aria di burrasca politica a Marano Vicentino. C’è infatti un duro attacco portato dalla locale sezione della Lega Nord all’amministrazione comunale che, secondo i leghisti, avrebbe “deciso, per compensare l’ennesima riduzione dei trasferimenti statali, di tassare, con il massimo dell’aliquota Irpef applicabile, tutti i cittadini che hanno un reddito superiore ai 13.300 euro”. E non basta, secondo gli uomini del Carroccio dietro l’aumento dell’Irpef, a Marano, ci sarebbero non solo i tagli governativi ai comuni ma anche il desiderio di “occultare il mantenimento dei clandestini in arrivo”.

Toni duri, dunque, ed argomenti che si ripetono ma che evidentemente fanno breccia. La Lega Nord di Marano sta anche distribuendo in questi giorni un volantino alle famiglie maranesi, parlando di un “prelievo forzoso dalle tasche dei cittadini, venendo meno anche alle promesse elettorali di condividere bilancio ed eventuali aumenti delle imposte con la popolazione tramite assemblee pubbliche. Senza ascoltare le minoranze consiliari – continua la Lega – che, in blocco, hanno votato contro il bilancio, rendendo pubblico un manifesto dal titolo Questo bilancio proprio non ci piace”.

“Per questo motivo – prosegue la in proposito nota della Lega Nord di Marano – e per protestare contro il protocollo d’intesa, firmato dal sindaco, Piera Moro, e dall’assessore Antonio Centomo, al fine di accogliere in paese venti immigrati, futuri clandestini, la sezione della Lega Nord Liga Veneta di Marano Vicentino sta distribuendo con l’aiuto di militanti, simpatizzanti e volontari, in tutte le case, a tutte le famiglie, un volantino dove si spiegano le ragioni della nostra contrarietà ed i costi che dovrà sopportare la comunità nel prossimo futuro, ricordando inoltre, quali sono le condizioni economiche che gravano attualmente sulla popolazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *