Breaking News

“L’export in pillole”. Un corso di Confindustria Vicenza

Che la ripresa economica in Italia sia reale dopo parecchi anni di crisi o, per il momento, solo sulla carta, è ancora tutto da interpretare. Non ci sono dubbi invece sul fatto che c’è un comparto della nostra economia che ormai da tempo ha ripreso a marciare, ed è l’export. Questo è vero soprattutto nelle regioni del nord, ed in particolare lo è nella nostra regione. Anche òper questo, per dare una maggiore spinta alle esportazioni Confindustria Vicenza ha organizzato, in collaborazione con la Camera di commercio, un corso di formazione per operatori del commercio estero.

“L’export in pillole”, questo il titolo del corso si terrà nella sede dell’associazione degli industriali vicentini, a palazzo Bonin Longare, a Vicenza dal 29 ottobre al 10 dicembre. C’è tempo per iscriversi fino a venerdì 23 ottobre e, più nel dettaglio, gli appuntamenti sono programmati per i giovedì 29 ottobre, 5, 12, 19, 26 novembre, 3 e 10 dicembre.

Il corso è dedicato agli addetti ai lavori e punta ad approfondire alcune tra le tematiche che presentano le maggiori criticità: dalle procedure doganali alla disciplina fiscale degli scambi intracomunitari, dalle procedure di trasporto alle principali forme di pagamento nel commercio internazionale, dalla contrattualistica al marketing strategico, fino alla promozione on line. Sette giornate di formazione, per chi voglia un approccio completo, o anche solo l’approfondimento di singoli argomenti, grazie agli interventi di specialisti esperti.

“Pur in tempi di crisi e recessione – osserva Walter Fortuna, vicepresidente di Confindustria Vicenza con delega all’internazionalizzazione -, l’export italiano continua a tenere ed è uno dei pochi fattori di traino dell’economia. Di fronte alla globalizzazione dei mercati esteri e a una concorrenza sempre più agguerrita, le nostre aziende non dimenticano di guardare oltre confine: sono cambiate le dinamiche del business, la concorrenza, gli equilibri internazionali, le esigenze di mercato, i target di riferimento. In questo nuovo contesto non ci si può improvvisare: bisogna partire preparati, con conoscenze, pianificazioni e strategie di marketing puntuali. Fondamentale è avere collaboratori aggiornati e preparati, con le competenze necessarie in ogni ambito commerciale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *