giovedì , 25 Febbraio 2021

Bassano, don Antonio Mazzi a “Incontri senza censura”

Sarà don Antonio Mazzi, giovedì 8 ottobre, alle  20.45, l’ospite del terzo appuntamento del ciclo culturale “ Incontri senza censura”, organizzato dalla libreria La Bassanese e l’omonima associazione culturale, con il patrocinio dell’ordine Giornalisti del Veneto. Don Mazzi non ha certo bisogno di troppe presentazioni, se non altro per come è vicino alla gente e per come si propone prete di strada o, come ama definirsi lui, “prete-rifugio”: rifugio per i diseredati, i più deboli e gli invisibili delle nostre città. Famoso per i suoi interventi controcorrente e le sue denunce sui media, è diventato un punto di riferimento non solo per parroci e educatori, ma anche per genitori e tutti coloro che, preoccupati per i propri ragazzi, cercano un confronto sui temi più vari.  In questa pagina si può vedere il trailer serata.

libro-don-mazziGrazie al suo ultimo libro “Non mollare! Consigli per affrontare la vita”, edito da Mondadori, quella con don Mazzi sarà una serata a ruota libera e senza peli sulla lingua su come affrontare le problematiche che, ogni giorno, la vita ci presenta e la cronaca ci descrive. Con la sua esperienza di fondatore di comunità, a contatto ogni giorno con i ragazzi, saranno affrontati temi come l’indifferenza e la noia degli adolescenti, che sono alla base del bullismo, la separazione dei coniugi come fonte di nuova solitudine, la prostituzione, la politica, i matrimoni gay, i problemi di scuola e istruzione, l’educazione dei figli, e si parlerà di come essere cristiani oggi di fronte alle nuove sfide di Papa Francesco.

Durante la serata si parlerà anche di attualità, del problema dei migranti, di politica italiana, del pericolo rappresentato dall’Isis, dei continui femminicidi, delle difficoltà a cui fanno fronte comunità come quella di don Mazzi nel riempire spazi che dovrebbero essere riempiti dalla Stato. Durante l’incontro sarà commentato il coming out gay di monsignor Charamsa, che con le sue parole ha scosso l’intera Chiesa cattolica alla vigilia del Sinodo 2015. Monsignor Krzysztof Charamsa, 43 anni, polacco, ha infatti dichiarato la sua omosessualità lanciando poi una sfida alla sua Chiesa: “Amateci”.

Stimolato da Marco Bernardi, ideatore della rassegna culturale, il pubblico assisterà alle graffianti riflessioni e provocazioni di un prete tra i più conosciuti e “rivoluzionari” del nostro Paese, da sempre sensibile alle problematiche dell’età evolutiva e della disabilità, che ha concretizzato la sua esperienza con la Fondazione Exodus. L’incontro si terrà come sempre nella Galleria Incontri della libreria La Bassanese. Ingresso libero e gratuito fino a esaurimento posti, con precedenza di entrata ai possessori della tessera Incontri 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità