Breaking News
Un momento dell'incontro Schio-Umbertide nella stagione 2014-2015
Un momento dell'incontro Schio-Umbertide nella stagione 2014-2015

Basket femminile, trasferta in Umbria per il Famila Schio

Archiviato l’incoraggiante successo esterno di mercoledì in Eurolega, per il Famila Wuber Schio è tempo di rituffarsi nel campionato italiano di serie A1. Domenica 18, alle 18, le arancioni saranno infatti impegnate sul parquet del PalaMorandi, contro la Pallacanestro femminile Umbertide, nella terza giornata di andata dell’Almo nature cup.

Grazie alle due affermazioni in altrettanti incontri, le scledensi detengono la testa della classifica, ma il primo scalino del podio è affollato. Oltre a Schio, vi si trovano anche Venezia, Lucca, Ragusa e Napoli. Per le umbre, invece, questo inizio di stagione non è stato dei migliori. Da quando si sono affacciate in A1, nel 2008-2009, il concentramento di inizio campionato ha sempre regalato loro una vittoria. A Napoli, invece, la tradizione si è interrotta e le biancoazzurre hanno incassato una pesante sconfitta (37-75) contro Lucca. Nella seconda giornata, invece, le umbertidesi si sono rifatte, anche se il risicato successo contro Torino è maturato solo nelle ultime battute della gara.

Rispetto alla scorsa stagione, la Pfu sembra aver perso un po’ di smalto. Tutte e cinque le giocatrici più utilizzate nel 2014-2015, Gemelos, Swords, Robbins, Consolini e Dotto, hanno cambiato casacca. Data questa rivoluzione nell’organico, alla corte di coach Serventi sono rimaste Cabrini, Milazzo, Markovic, Conti, Moroni e Giudice. Tra i nuovi acquisti, spicca il trio di straniere composto dalla pivot croata Tikvic, dalla guardia americana Simmons, e dall’ala canadese Agunbiade. Ciò che serve, ora, è solo un po’ di tempo, perché le nuove atlete si amalgamino con il resto della squadra.

Per quanto riguarda Schio, non c’è molto da dire, se non che nel torneo italiano, come affermato, le ragazze di Mendez hanno iniziato con il piede giusto. E in Eurolega, invece… pure. Nel match di esordio contro il Galatasaray (58-75), campione d’Europa nel 2014, le arancioni non hanno solo vinto, ma sono anche state capaci di imporre con autorità il loro gioco, limitando in maniera efficace una formazione che aspira ad entrare nelle final four della massima competizione europea. Visto che chi ben comincia è a metà dell’opera, questo doppio ottimo inizio promette davvero bene.

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *