lunedì , 1 Marzo 2021
Un momento del match Schio-Cagliari in un'immagine d'archivio

Basket femminile, il Famila Schio affronta Cagliari

Prima partita casalinga della stagione per il Famila Wuber Schio. Domenica 11, alle 18, il PalaCampagnola ospiterà, infatti, il match tra le arancioni e le universitarie del Cus Cagliari, nella seconda giornata di andata dell’Almo nature cup, 85° campionato di serie A1. L’Opening day napoletano, evento che ha aperto il torneo 2015-2016, ha riservato emozioni opposte alle formazioni che si daranno battaglia al palazzetto di viale dell’Industria. Schio, infatti, ha festeggiato la larga vittoria su Battipaglia, 51-84. Cagliari, invece, ha subito una pesante sconfitta da Ragusa, 52-88.

A proposito delle prossime sfidanti del Famila, dopo l’ottavo posto nella regular season 2014-2015 e dopo l’eliminazione ai quarti dei playoff, le sarde non hanno trascorso un’estate tranquilla. Le loro vicissitudini hanno coinvolto la sfera economica, tanto che si vociferava di una rinuncia alla A1. E la Lega aveva già diramato il calendario di un campionato a tredici squadre, a fronte delle quattordici attuali. Ma quello economico è un tasto dolente per il movimento della pallacanestro femminile in generale. Sono diverse, infatti, le società che, proprio per quel motivo, si sono ritirate a stagione in corso (La Spezia, Faenza) o hanno rinunciato alla massima serie per ripartire dalle categorie inferiori (Priolo, Venezia, Como).

Scongiurato il pericolo di non disputare questo Almo nature cup, la società sarda si è mossa sul mercato per mettere in piedi una squadra capace di affrontare l’imminente torneo. Alla corte del riconfermato Antonello Restivo sono rimaste poche atlete della scorsa stagione. Solo Arioli, Corda e Garau. Canalis e Oppo provengono da squadre cagliaritane di A2 e i volti nuovi dell’organico sono la croata Benic, la bosniaca, ex Lucca, Milic. Ancora, Prahalis, alla sua prima esperienza nel nostro paese e l’argentina Chesta, che gioca in Italia dal 2006.

Per quanto riguarda Schio, contro Cagliari le campionesse d’Italia cercheranno di fare bella figura davanti al loro pubblico, regalando agli appassionati quaranta minuti di basket ad alto livello. Nella prima giornata si è rivista in campo, seppure per pochi minuti, Sottana, che era stata bloccata da problemi muscolari. Non ha ancora recuperato, invece, Cecilia Zandalasini. A digiuno di minuti nelle uscite ufficiali anche Eva Lisec. Niente guai fisici per lei, ma solo motivi di regolamento, visto che l’obbligatoria rotazione delle straniere (delle quattro tesserate, solo tre possono essere impiegate in campionato) ha per ora lasciato a riposo proprio la pivot slovena.

Ilaria Martini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità