Arte, Cultura e Spettacoli

Angelica Liddell all’Olimpico, parla “Vicenza Cristiana”

Pubblichiamo una Lettera aperta al Vescovo di Vicenza, monsignor Beniamino Pizziol, di Vicenza Cristiana, a proposito dello spettacolo di Angellica Liddell “Prima lettera di San Paolo ai Corinzi” che, tra molte polemiche, aprirà il 18 settembre, in prima nazionale, la stagione degli spettacoli classici del Teatro Olimpico

*****

Eccellenza Reverendissima,

siamo un gruppo di fedeli della vostra diocesi turbati per lo spettacolo che sarà messo in scena la prossima settimana al Teatro Olimpico di Vicenza e che porta come titolo “Primera carta de San Pablo a los Corintios”.

In risposta alle voci più disparate che si sono sentite, e visto che il titolo dell’opera è un richiamo diretto all’Epistola dell’Apostolo (omen nomen), abbiamo cercato, attraverso social network e siti internet, di raccogliere informazioni. La nostra ricerca ha avuto come fonti non le recensioni tedesche di cui abbiamo trovato pochissimo, bensì le recensioni francofone (francesi e svizzere) cioè luoghi dove l’opera è già stata presentata.

Crediamo che il risultato non lascia spazio a interpretazioni, né nell’intento, né nella messa in scena, vi proponiamo due citazioni ma in rete ne troverete a decine.

‘’C’è nelle ultime creazioni di Angélica Liddell una tendenza sempre più pronunciata alla profanazione, tanto insolente quanto ironica, che consiste chiaramente nell’impossessarsi del vocabolario e dei testi cristiani per ricondurli a ciò che può essere il loro punto di partenza, gli orrori della psiche umana tormentata dalla passione , la sessualità e la follia’’.

‘’Il y a dans les dernières créations d’Angélica Liddell une tendance de plus en plus prononcée à la profanation, aussi culottée qu’ironique, consistant notamment à s’emparer du vocabulaire et des codes du christianisme pour les ramener à ce qui est peut-être leur point de départ, les affres de la psyché humaine tourmentée par la passion, la sexualité et la folie’’. Fonte: Liberation 24/07/2015.

“Avrete difficoltà ad immaginare che questa ragazza che vi da la mano è entrata in trance come una candidata alla canonizzazione , “cristica” nel suo vestito rosso cardinale, …, che ha prelevato (la trasfusione) il sangue di Cristo in una tasca trasparente …”.

‘’Vous peinez à imaginer que cette fille qui vous donne la main dans un sourire est entrée en transe comme une candidate à la canonisation, qu’elle a été christique dans sa robe rouge-cardinal, qu’elle a chaviré de tout son corps, qu’elle a prélevé le sang du Christ dans une poche transparente, qu’elle a fait défiler cinq servantes nues au crâne rasé, bacchantes austères d’un culte interdit’’. Fonte : Le Temps 20/03/2015

Il risultato dell’intera ricerca, che chiunque può visionare sulla nostra pagina Facebook, Vicenza Cristiana è a vostra disposizione. Vi preghiamo pertanto di prenderne visione e di farne l’uso che ne riterrete opportuno, sia come guida della crisitianità vicentina, ma anche come membro dell’Accademia Olimpica.

Di fronte al silenzio sospetto dell’autrice e del Teatro di questi ultimi giorni abbiamo deciso di presentarVi pubblicamente la nostra ricerca, nella speranza di trovare in Voi il nostro portavoce.

Nel nostro piccolo, liberi da ogni dubbio, fedeli alla vostra istruzione di esprimere attraverso il dialogo e nel rispetto reciproca la nostra testimonianza cristiana ci troveremo per pregare, per riparare, a questa pubblica storpiatura della nostra bella e santa fede.

Alessandro Galvanetti – Portavoce di Vicenza Cristiana

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button