Senza categoria

Vicenza e provincia cronaca

Castelgomberto, trovata piantagione di marijuana –

Una piantagione di marijuana, con ben 160 piante, è stata scoperta dagli agenti della Squadra Mobile di Vicenza a Valle di Castelgomberto. Le piante sono state trovate il 9 luglio scorso, la maggior parte nei vasi, in vari stadi di crescita, coperte da una tettoia con del nylon. Inoltre, nella vicina rimessa degli attrezzi è stato trovato tutto l’occorrente per la coltivazione.

Vicenza, ladri d’argento e di cibo

Oltre agli oggetti di valore hanno rubato anche alcuni generi alimentari dal frigorifero. È successo in via Fermi, in un’abitazione di una 86enne. L’anziana ieri era uscita di casa con la badante dalle 9.30 alle 10.30 e quando è tornata ha fatto l’amara scoperta. I ladri sono entrati dalla porta di ingresso blindata che non hanno forzato e hanno portato via due candelabri d’argento, tre ciotole in argento, suppellettili vari e 170 euro. Non contenti hanno aperto il frigorifero e rubato del prosciutto, tortellini e gnocchi.

Vicenza, americani derubati

Brutta avventura per una famiglia americana venuta in Italia con una comitiva di connazionali per poi andare in Svizzera. Gli americani ieri mattina sono arrivati all’AC Hotel di Creazzo e una donna di 49 anni ha appoggiato la sua borsa in un divanetto della hall. Poco dopo si è accorta che non c’era più e uno della comitiva ha riferito di aver visto una coppia di asiatici prendere la borsa e uscire dalla porta antipanico dove le telecamere non erano presenti. La donna ha chiesto informazioni alla reception ma nessuno sapeva da dove venisse quella coppia e cosa ci facesse lì. La 49enne è allora andata in Questura per sporgere denuncia in quanto nella borsa c’erano i documenti di tutta la famiglia, un iPhone, 500 euro, 1.500 dollari e 200 franchi svizzeri. Alla fine, fortunatamente, si è risolto tutto con la richiesta al consolato di emettere dei lasci passare per permettere alle vittime del furto di poter andare in Svizzera.

Vicenza, bimbo lasciato in auto dal padre

Fortunatamente si è risolta nel migliore modi la vicenda che ha visto un bambino di 5 anni lasciato solo in auto. Stamattina, in via Adenauer, una passante ha visto una macchina parcheggiata sotto il sole con dentro un bimbo sul seggiolino, i finestrini un po’ aperti, le portiere chiuse e nessun altro a bordo, così ha allertato il 113. Gli agenti delle volanti sono arrivati sul posto insieme al padre del piccolo, un algerino di 45 anni, che ha riferito di essere andato a piedi al mercato e di aver lasciato il figlio in macchina perché non voleva scendere. Di sicuro il bambino è rimasto chiuso in auto per un quarto d’ora, forse qualcosa in più e ora il padre è stato segnalato ai servizi sociali.

Vicenza, sequestrato il circolo Number One

Il circolo Number One è stato sequestrato preventivamente dai carabinieri del Nucelo Operativo e Radiomobile di Vicenza. I militari sono arrivati nel locale di via Montecchi alle 3 dello scorso 6 luglio e hanno denunciato per disturbo del riposo delle persone, apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo e intrattenimento, somministrazione di bevande alcoliche a persone in manifesta ubriachezza il titolare del circolo. Si tratta di un 69enne, volto noto alle forze dell’ordine,. I carabinieri, dopo essere intervenuti, hanno constato che non solo il volume della musica era eccessivamente alto, ma anche che i clienti erano sprovvisti della tessera associativa eed erano in evidente stato di ubriachezza.

Brendola, sequestrata ditta di import-export

È stata sequestrata la ditta di import-export gestita da un ghanese con sede in via Natta, a Brendola. A seguito di un controllo nella ditta, gestita e organizzata su due capannoni industriali, nei quali si svolge l’attività di import-export a mezzo container, trasportando beni in Africa, i carabinieri hanno constato che cinque ghanese stoccavano negli immobili quantità altissime di rifiuti perricolosi speciali come elettrodomestici, vari apparecchi elettrici e pigmenti per la lavorazione delle pelli, batterie di piombo, parti per auto. I militari hanno così denunciato per attività di gestione rifiuti non autorizzata in concorso cinque persone. Si tratta di due ghanesi: uno di 55 anni, residente a Brendola e titolare dell’azienda e un 36enne e tre nigeriani con precedenti: un 27enne residente a Padova, un 33enne di Montecchio Maggiore, un 43enne di Brendola.

Valdagno, estorsione e ricettazione per un escavatore

È stato denunciato per estorsione e ricettazione un italiano residente in provincia di Verona. L’uomo aveva chiesto una consistente somma di denaro ad un imprenditore di Montebello Vicentino per restituirgli un escavatore che era stato rubato lo scorso maggio. Le indagini, condotte dai carabinieri della Compagnia di Valdagno, hanno portato alla denuncia dell’uomo e al ritrovamento dell’escavatore rubato del valore di 20 mila euro e una grande quantità di pellami semilavorati, probabilmente proventi di furti avvenuti nei mesi scorsi.

Vicenza, tentano di rubare al cantiere

Hanno tentato di entrare nel cantiere “Superstrada Pedemontana Veneta” per rubare del gasolio ma sono stati sorpresi da una pattuglia dei carabinieri lungo la strada provinciale 111. i malviventi erano riusciti a manomettere la rete di recinzione per portare via il gasolio dai mezzi d’opera parcheggiati all’interno. Alla vista dei militari i due sono scappati a bordo di un’Alfa Romeo, ma dopo un breve inseguimento sono stati raggiunti e bloccati a Rosà. Dopo i controlli i due ladri sono stati trovati in possesso di due taniche da 30 litri, vari tubi di gomma, due imbuti e una pompa in plastica per tiraggio del carburante. Tutto materiale che serviva per rubare il gasolio. Ad essere denunciati per tentato furto sono stati un 37enne di Brogliano e la sua convivente di 44 anni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button