Valdagno tra i migliori in Italia per il 5 per 1000

Valdagno si distingue ancora, a livello nazionale, per quanto riguarda le destinazioni del 5 per 1000 nelle denunce dei redditi. Sono stati pubblicati infatti, nei giorni scorsi, sul sito dell’Agenzia delle entrate, gli elenchi dei beneficiari del 5 per 1000, e Valdagno è collocato ai primi posti tra i comuni italiani. Con 3.031 sottoscrittori, per un totale di 55.320,74 euro destinati ai Servizi sociali del Comune, Valdagno raggiunge il decimo posto assoluto sull’intero territorio nazionale per la somma raccolta, ma è addirittura quarto per il numero di scelte espresse, dietro solo a città metropolitane come Roma, Milano e Torino.

Giancarlo Acerbi
Giancarlo Acerbi

Scorrendo la classifica si può notare come Valdagno sia inoltre il primo comune non capoluogo, reggendo il confronto con città molto più popolose. Ed è primo sia a livello veneto che vicentino. Se si guardano invece le somme destinate, allora si scende di un paio di posizioni, con Verona e Venezia che fanno meglio.

“Anno dopo anno – ha commentato il Sindaco, Giancarlo Acerbi – ringraziare per questo i valdagnesi è un piacere e un onore. Per noi rappresenta il riconoscimento di una gestione efficace dei servizi offerti nei diversi settori di competenza dei nostri Servizi sociali. Questi risultati ci permettono di farci conoscere a livello nazionale come un comune in cui i cittadini in primis hanno a cuore il welfare”

“Il sociale – ha poi aggiunto l’assessore alle politiche sociali e della famiglia, Rina Lazzari, – rappresenta un punto cruciale della vita della nostra città, ed un capitolo su cui abbiamo sempre puntato con investimenti ingenti. I servizi erogati coprono diverse aree che vanno dagli anziani ai disabili, passando per i minori e ai diversi interventi rivolti in particolare al sostegno delle fasce più deboli della popolazione. Negli ultimi anni, una forte attenzione è stata prestata all’attenuazione delle conseguenze della crisi economica che ha colpito anche molte famiglie valdagnesi. L’attenzione dimostrata dagli oltre 3.000 sottoscrittori che nel 2013 hanno scelto di destinare al nostro comune il 5 per 1000 delle proprie trattenute Irpef ci dà la convinzione che fin qui si sia operato nel modo giusto e ci sprona a proseguire sulla strada tracciata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità