Arte, Cultura e Spettacoli

La nuova stagione del Teatro Comunale di Vicenza

“Una stagione difficoltosa ma di assoluto rispetto, costruita ascoltando le richieste del pubblico”. Presenta così la programmazione per l’anno 2015/2016 il presidente della Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, Flavio Albanese. Il cartellone della stagione artistica del Teatro Comunale berico ha infatti dovuto fare i conti con la riduzione dei contributi provenienti dalla Regione – 200 mila euro in meno dal 2012 e altri tagli previsti per l’anno prossimo – e la rinuncia di Confindustria Vicenza della sua partecipazione alla Fondazione a partire dal 2015. Si affida quindi al pubblico, sempre più giovane e aperto alla sperimentazione, la Fondazione Teatro, proponendo un cartellone con più di cinquanta appuntamenti che vanno dalla danza alla prosa fino alla concertistica e sinfonica. Il risultato di quella che Albanese definisce come una vera e propria “prova muscolare” è un cartellone ricco, con il quale si vuole confermare l’importanza assunta dal Teatro comunale nell’offerta culturale della città.

Flavio Albanese
Flavio Albanese

Il sipario si aprirà sabato 24 ottobre con la prima e unica data italiana dello spettacolo di danza moderna della Paul Taylor Dance Company. La stagione di danza, organizzata da VicenzaDanza in collaborazione con Arteven, continuerà poi con sette spettacoli che porteranno sul palco cittadino grandi nomi della danza internazionale: il Royal New Zealand Ballet con una “Giselle” classica, i Momix che per tre giorni porteranno in scena il nuovo spettacolo ideato per i 35 anni di attività, il Ballet du Grand Theatre de Geneve con una rivisitazione de “Lo Schiaccianoci”, la compagnia americana del Tulsa Ballet, il balletto dell’Opera di Vienna, il Wiener Staatsballet, e i virtuosi dell’hip hop della Compagnie Kafig. “Festeggiamo i nostri vent’anni – ha commentato Loredana Bernardi di VicenzaDanza – con un ricco cartellone”. Quattro gli spettacoli in programma per la sezione Luoghi del Contemporaneo-Danza.

Puntano invece sui grandi interpreti italiani ma anche su produzioni sperimentali gli spettacoli della prosa, presentati dal direttore di Arteven, Pierluca Donin. Ad aprire la rassegna sarà Paolo Rossi in “Molière: la recita di Versailles”. Saliranno poi sul palco Claudio Bisio, che interpreterà dei testi di Michele Serra, Eros Pagni ne “Il Sindaco del Rione Sanità” di Eduardo De Filippo, mentre Giulio Scarpati e Valeria Solarino interpreteranno “Una giornata particolare” di Ettore Scola e Ruggero Maccari. In programma anche “Il Gabbiano” di Anton Cechov per la regia di Carmelo Rifici e il shakespeariano “Hamlet” nella versione di Andrea Baracco. Tra i protagonisti della sezione Luoghi del contemporaneo-Prosa, il Teatro del Lemming, lo spettacolo di Serena Dandini “Ferite a morte” e Vittorio Sgarbi con “Caravaggio”.

Quindici gli appuntamenti in cartellone per la sezione Concertistica, che il direttore artistico della Società del Quartetto di Vicenza, Piergiorgio Meneghini, ha caratterizzato con una massiccia presenza di eccellenze italiane. Tra i solisti da citare Benedetto Lupo, Murray Perahia e Filippo Gamba. Ospiti del Teatro Comunale saranno anche I Solisti Filarmonici italiani, l’Orchestra da Camera di Mantova di Carlo Fabiano, l’Orchestra da Camera Italiana di Salvatore Accardo e l’accoppiata violoncello-pianoforte di Enrico Dindo e Otello De Maria. Dall’Europa arriveranno le formazioni cameristiche Quartetto Hermés, “Lockenhaus on tour”, Quartetto Panocha e il baritono Matthias Goerne accompagnato dal pianista Alexander Schmalcz.

La stagione sinfonica dell’Orchestra del Teatro Olimpico prevede sei appuntamenti, più il tradizionale concerto di fine anno. La Oto e il suo direttore principale, Alexander Lonquich, proporranno un programma più impegnativo rispetto a quello dell’anno passato, eseguendo brani come il Don Juan di Strauss, il poema sinfonico “Pomeriggio di un Fauno” di Debussy, oltre a opere di Wagner, Mendellssohn e Mozart. Nicolas Altstaedt e Federico Maria Sardelli saranno i direttori ospiti insieme a Alexander Janiczeck che dirigerà il concerto di Capodanno.

Per gli spettacoli fuori abbonamento, sono previsti momenti di cabaret, con Ale & Franz, Ficarra & Picone e il duo Enzo Iacchetti e Giobbe Covatta, il musical di “Pinocchio”, la serata “Gospel in Vicenza”, due operette (“Al cavallino bianco” e “La principessa Czarda”) e, per il primo dell’anno, il Balletto Nazionale della Georgia Sukhishvili.

Martina Lucchin

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button