Provincia

Operai della Sadi di Orgiano protestano a Milano

Una delegazione dei lavoratori della Sadi 1908, di Orgiano, azienda che realizza manufatti e decorazioni in gesso per l’edilizia e che conta 13 dipendenti, sarà a Milano lunedì mattina, davanti alla sede del Gruppo Ikf, in viale Tunisia, per un sit-in con volantinaggio. Il Gruppo Ifk detiene infatti la proprietà dell’azienda vicentina, che ha realizzato, tra le tante decorazioni artistiche, anche gli stucchi del teatro la Fenice di Venezia, delle navi da crociera della Costa e dell’Acquario di Genova. Le maestranze della Sadi hanno lavoranti anche a Milano, nei cantieri per la realizzazione dell’Hotel Armani, della sede del Sole 24 ore e del Vodafone Village.

Quanto alle ragioni della protesta, è presto detto: il lavoratori non ricevono il salario dallo scorso febbraio e rappresentanze sindacali chiedono chiarezza al gruppo e soprattutto un piano industriale. Intanto, alcuni operai che erano stati messi in cassa integrazione nei mesi di maggio e di giugno sono rientrati al lavoro per completare una importante commessa. “Le Rsu giustamente vogliono vederci chiaro – ha commentato sulla spinosa questione il segretario della Fillea Cgil di Vicenza, Riccardo Martin – I lavoratori vorrebbero, come è loro diritto, ricevere lo stipendio regolarmente. Inoltre è necessario che il gruppo che ha acquisito la Sadi investa sul piano finanziario, garantendo la copertura degli stipendi senza aspettare il saldo delle commesse. Il lavoro e le ordinazioni non mancano”.

Lunedì scorso ad Orgiano i lavoratori hanno incrociato le braccia per mezza giornata. Lo sciopero è riuscito, ma dall’azienda non arrivano risposte soddisfacenti. “L’ amministratore unico – ha aggiunto Martin –  ci ha risposto di aver sottoposto lunedì scorso, alla proprietà Ikf, le legittime richieste dei lavoratori, ovvero gli stipendi arretrati, ma al momento il gruppo non sarebbe nelle condizioni di coprire quanto dovuto. Tuttavia, nei prossimi giorni potrebbe concretizzarsi una soluzione”. Lunedì, intanto, la protesta si sposta a Milano.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button