Economia

La Banca Popolare di Vicenza si quota in Borsa

“Il consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Vicenza, riunitosi oggi, anche a seguito della delibera dello scorso 30 giugno con la quale ha accertato il superamento della soglia di otto miliardi di euro di valore dell’attivo, ha dato mandato al consigliere delegato e direttore generale Francesco Iorio di dare corso alle attività necessarie alla trasformazione della Banca in società per azioni e di definire un piano di lavoro finalizzato alla quotazione delle azioni della Banca sul mercato telematico azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana. Il Consiglio ha infatti ritenuto che questo sia il percorso più idoneo e coerente anche con la finalità di rispondere alle esigenze dei soci in merito alla negoziabilità e liquidabilità delle azioni della banca”.

E’ quanto si legge in una nota diffusa quest’oggi dall’istituto di credito vicino, che dunque diventa una Società per Azioni e va verso la quotazione a Piazza Affari, cioè alla Borsa valori di Milano, come del resto era atteso e previsto dalla legge voluta mesi fa dal governo Renzi. “Il Consiglio di amministrazione – spiega ancora la nota di Bpv – ha anche dato mandato al direttore generale di effettuare tutti gli accertamenti più opportuni per un’adeguata ricognizione degli assetti patrimoniali della banca, anche alla luce degli esiti della ispezione Bce appena conclusa, esiti che saranno formalizzati da quest’ultima. Di questi esiti, dei risultati degli ulteriori accertamenti sopra indicati e del conseguente fabbisogno patrimoniale aggiuntivo, si darà conto, ove possibile, nella relazione semestrale al 30 giugno 2015”.

“Il Consiglio di amministrazione – conclude poi la nota della banca berica – ha inoltre condiviso la bozza dello statuto della Banca Popolare di Vicenza una volta divenuta Spa e che sarà sottoposto al vaglio dell’autorità di vigilanza nelle prossime settimane, per le necessarie autorizzazioni, in vista dell’assemblea straordinaria dei soci che sarà chiamata a deliberare su tale proposta entro i termini di legge”. Il comunicato della Banca Popolare di Vicenza conclude segnalando che “è stato cooptato nel Cda il professor Alessandro Pansa, a cui vengono formulati i migliori auguri di buon lavoro”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button