Breaking News
Palazzo Chigi, sede del Governo
Palazzo Chigi, sede del Governo

Finco (Lega Nord): “Anci prona di fronte al Pd”

“I vertici di Anci Veneto assumano una posizione chiara e netta di fronte ai diktat del Governo, iniziando dai profughi, per proseguire coi tagli agli Enti locali e alla sicurezza”. A chiederlo, appoggiando la protesta di molti sindaci vicentini e non solo, è il capogruppo regionale della Lega Nord Nicola Finco, che va giù duro per altre in un suo vero e proprio atto di accusa nei confronti dell’Anci, l’associazione che riunisce i Comuni d’Italia.

Nicola Finco
Nicola Finco

“Siamo di fronte ad una vera immobilità dell’associazione – sottolinea Finco – , cosa che sta facendo riflettere diversi primi cittadini sull’opportunità di rinnovare o meno l’adesione all’Anci. E’ inaccettabile che per ragioni politiche i rappresentanti dei sindaci, che dovrebbero farsi portavoce di tutti, obbediscano a logiche di partito”.

“La presidente veneta dell’Anci – continua il consigliere regionale leghista -, iscritta al Partito Democratico, come del resto il presidente nazionale Fassino, è da troppo tempo prona ai diktat di Renzi, e prende posizioni inutilmente tiepide mal interpretando il disagio dei primi cittadini anche non democratici. Hanno quindi ragione quest’ultimi a riflettere sull’utilità di iscriversi a Anci, che di fronte alle consistenti problematiche sul tavolo, risponde con noncuranza o peggio, con indifferenza dovuta alla posizione politica dei vertici regionali”.

“Mai come oggi – conclude Finco – i Comuni sono vessati dal Patto di stabilità, dai tagli da Roma e dall’arrivo di centinaia e migliaia di clandestini cui i prefetti trovano collocazione prescindendo addirittura dall’avvisare i sindaci. Non abbiamo sentito una, che sia una sola, presa di posizione dei vertici di Anci, al di là di qualche comunicato stampa. Non è stata organizzata nessuna manifestazione unitaria dell’associazione, in questi mesi, né adesione ad iniziative altrui. Se c’è, come appare, una ragione politica sotto tutto questo, è evidente che l’attuale presidenza di Anci non è più portavoce della totalità dei suoi aderenti, ma è unicamente piegata alle ragioni del Pd che nulla hanno a che vedere con la rappresentanza territoriale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *