Senza categoria

Vicenza e provincia cronaca

Vicenza, bimba cade in un dirupo –

Brutta avventura per una bambina di 10 anni durante una gita scolastica alle trincee della Grande Guerra, sul Monte Cimone. Erano circa le 12.30 di oggi quando la bimba è scivolata sul prato ripido ed è ruzzolata per una trentina di metri, cadendo da un piccolo strapiombo e finendo nel bosco sottostante. Alla bimba sono state subito prestate le prime cure dal personale del soccorso alpino della stazione di Arsiero e sul posto è arrivata l’eliambulanza di Trento. Imbarellata e portata su con un verricello, la piccola è stata trasportata all’ospedale San Bortolo di Vicenza con un possibile trauma alla schiena.

Vicenza, minaccia disabile

Oussama Harzalli
Oussama Harzalli

Avrebbe cercato di estorcere del denaro ad una disabile tramite minacce ma è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Vicenza con l’accusa di tentata estorsione aggravata. Si tratta di Oussama Harzalli, tunisino di 33 anni, in Italia senza fissa dimora, con precedenti e colpito dal divieto di dimora in Veneto. L’uomo, attorno alle 13, al famoso residence Campiello di viale San Lazzaro è stato sorpreso nelle scale mentre stava minacciando una 42enne vicentina disabile. Il tunisino avrebbe costretto la donna a consegnargli il denaro. Nell’ambito della stessa operazione sono stati denunciati due marocchini, rispettivamente di 25 e 29 anni, entrambi in Italia senza fissa dimora e volti noti alle forze dell’ordine. I due avrebbero partecipato all’azione insieme al tunisino intimorendo la vittima. Inoltre i due marocchini sono stati denunciati per permanenza illegale sul territorio italiano, il 25enne, mentre il 29enne per false attestazioni a pubblico ufficiale sull’identità personale, in quanto risultava avere ben dieci alias.

Bassano, furto di rame

Sono 100 i chilogrammi di rame rubati dalla ditta “Moretto srl” di via Cartigliana, a Bassano del Grappa. Il titolare dell’azienda, Danilo Moretto, 63 anni, di Tezze sul Brenta si è rivolto ai carabinieri denunciando che qualcuno, nella notte tra i 3 e il 4 giugno, aveva tagliato la rete di recinzione esterna per penetrare all’interno del cantiere. I ladri, una volta dentro, hanno rubato rame per un valore di 500 euro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button