Vicenza Calcio ad un bivio? Cunico si è dimesso

Tiziano Cunico non è più il presidente della società Vicenza Calcio. La cosa era nell’aria da giorni e Cunico l’ha ufficializzata oggi rassegnando le dimissioni da ogni incarico societario e motivando la sua scelta con i molti impegni ai quali lo chiama la sua professione di imprenditore. Il consiglio di amministrazione del Vicenza Calcio ne ha preso atto, ringraziandolo per l’impegno e l’entusiasmo che ha profuso in questi anni del suo mandato.

Tiziano Cunico
Tiziano Cunico

Cunico ha anche voluto aggiungere una lettera ai tifosi, nella quali li ringrazia per il supporto che hanno dato alla squadra. Punto e a capo insomma. Adesso il futuro del Vicenza è tutto da costruire. Non mancano infatti, come tutti sanno, le incognite e le nubi nul cielo biancorosso. L’ultima stagione è stata certo entusiasmante sul piano del gioco ed anche dei risultati. E’ stata sfiorata la promozione in serie A, e la cosa ha certo lasciato l’amaro in bocca ma nessuno può dirsi meno che soddisfatto per quanto si è visto nel campionato di serie B del Vicenza, soprattutto se si considerano le premesse di inizio stagione.

Quello che deve essere sciolto è invece un altro nodo, piuttosto aggrovigliato ormai da anni, vale a dire quello economico: i molti e continui pagamenti che devono essere fatti e una solidità patrimoniale da dimostrare per proseguire nel cammino delle serie più alte del calcio italiano. Ed ancora, rinnovi contrattuali da fare, pezzi pregiati da non perdere, anche se pare scontato che alcuni andranno via. A cominciare dall’allenatore Pasquale Marino, vero artefice dela ottima stagione biancorossa ed anche per questo ora richiesto sul mercato. Per lui si parla di un ritorno a Catania, ma ci sarebbe anche l’interessamento del Cagliari.

L’altro oggetto del desiderio è Andrea Cocco bomber della serie B e anche lui, con Marino, artefice dell’ottimo campionato del Vicenza. Anche per Cocco si parla di un interessamento del Cagliari. E’ presto comunque per fare previsioni o delineare scenari da fantacalcio, in tutti i sensi, anche perché non sembrano esserci ipotesi concrete, ad esempio, per una soddisfacente cessione delle quote di controllo della società, ancora nelle mani della famiglia Cassingena. Non ci resta quindi che aspettare, augurando buon lavoro ai dirigenti della società e a tutti coloro che in essa, o per essa, in qualche modo operano. Augurando anche buona fortuna al presidente dimissionario, mentre ai tifosi auguriamo di non vedere mai deluso il loro amore per il Lane, in molti casi davvero grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *