Le armi sequestrate
Le armi sequestrate

Noventa, violenza e minacce all’ex datore di lavoro

Violenza privata, minaccia aggravata e porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere. Sono queste le accuse che i carabinieri della stazione di Noventa Vicentina hanno mosso ad un uomo di 47 anni, di Vicenza, a conclusione di indagni svolte nei suoi confronti. L’uomo, le cui iniziali sono M.P., ora deferito in stato di libertà, un paio di giorni fa, lungo l’autostrada A31 Valdastico Sud, si trovava alla guida della propria auto ed avrebbe affiancato il suo ex datore di lavoro che viaggiava su un altro mezzo e, con in mano un coltello serramanico, avrebbe cercato di farlo fermare.

I carabinieri hanno perquisito prima l’auto dell’uono, trovando due coltelli a serramanico, della rispettabile lunghezza di 28 e 26 centimetri. Poi gli hanno perquisito anche l’abitazione trovandovi un discreto numero di armi da fuoco. Va precisato però che il 47enne ha il porto d’armi ad uso sportivo, e che le armi trovate in casa erano quindi detenute regolarmente. I carabinieri le hanno comunque sequestrate in via cautelativa.

Le armi sono una pistola Ruger, un fucile Mosin-Nagant, una carabina A. Gonella, un revolver Ruger calbro 357, un altro revolver marca Adler ed una carabina Remington, oltre ad un buon rifornimento di cartucce di vario calibro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità