Veneto

Immigrati, il “granitico no” di Zaia ad Alfano

“Non c’era alcun dubbio che, passata la fase della frenata elettorale, peraltro servita a poco perché la gente non è stupida, almeno in Veneto, il ministro Alfano ricominciasse a inondare il territorio di immigrati, e le Istituzioni di circolari ultimative. Non serve a nulla. Il no del Veneto a ricevere altri immigrati era e resta totale, li impongano pure, li mettano nelle topaie delle caserme dismesse, ma se ne assumeranno anche tutta la responsabilità, umana e sociale”.

Luca Zaia
Luca Zaia

A parlare così è il rieletto presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, che, evidentemente forte anche del risultato uscito dalle urne, rispedisce al mittente la circolare diffusa lunedì dal Viminale nella quale, tra l’altro, si fa riferimento ad una maggiore disponibilità richiesta a Lombardia e Veneto.

“Il nostro è stato resta un no granitico – aggiunge Zaia – ed estremamente motivato: abbiamo già dato, ospitando 514 mila immigrati regolari che si sono integrati e che ora, con 40 mila disoccupati, scontano la profonda crisi economica al pari dei nostri cittadini e alla faccia degli zerovirgola dell’Istat sui quali oggi twitta Renzi. Non è un no politico, è un no dei territori. Per sincerarsene basta che Alfano alzi la cornetta e parli con un po’ di sindaci veneti di ogni colore politico. Forse capirà”.

“Il ministro Alfano -ha infine concluso Zaia – ha sentito con le proprie orecchie il no del Veneto anche nell’ultimo recente incontro nel corso del quale, peraltro, lui stesso ci ha dato la notizia che solo un terzo di queste persone sono profughi. Due terzi sono da considerarsi normali migranti. Di questi ultimi gli ricordo che il Veneto, terzo in classifica in Italia, ne ospita già 514 mila. Sorvolo sulla figuraccia che il governo Renzi sta facendo in Europa, dalla quale sta ricevendo sonori dinieghi su tutto il fronte. A quei no risponde ‘scusate non lo faccio più’; a quelli dei suoi territori risponde a colpi di circolari. Ma il nostro no non cambia per questo, anzi si rafforza”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button