Economia

Contributi alle aziende per la sicurezza sul lavoro

Con il “click day” del 25 giugno si conclude l’attività relativa al bando Isi Inail 2014, che dà la possibilità di avere un contributo a fondo perduto in materia di sicurezza sul lavoro. Nel Veneto sono stati messi a disposizione quasi 20 milioni e 500 mila euro, una cifra importante, che si aggiunge a quelle disposte annualmente dal 2010, per un totale di oltre 73 milioni di euro. Fondi utilizzati, che dimostrano l’interesse delle imprese a investire in sicurezza sul lavoro. Confartigianato Vicenza, tramite il suo presidente Agostino Bonomo, esprime apprezzamento per le risorse messe a disposizione, ma anche forti perplessità sull’approccio dato alla valutazione delle domande che verranno presentate.

Agostino Bonomo
Agostino Bonomo

“È chiaro – osserva Bonomo – che le cifre stanziate sono di assoluta importanza, ma non condividiamo il metodo scelto per la definizione della graduatoria ai fini del riconoscimento del contributo, sulla base cioè di chi è più veloce a cliccare l’invio della domanda al momento dell’apertura del bando. È chiaro che le richieste che verranno ammesse dovranno rispettare tutti i requisiti, ma è altrettanto evidente che il loro accoglimento per l’erogazione del contributo non passa da una valutazione puntuale sul progetto, rischiando così di vederne magari esclusi alcuni che potrebbero comportare benefici più interessanti rispetto ad altri”.

“Comprendiamo – continua il presidente di Confartigianato Vicenza – i motivi di questa scelta, ovvero la velocità delle risposte, in modo che un’impresa venga subito a sapere dell’ammissione o meno al contributo, l’impossibilità di valutare in poco tempo i singoli progetti, la necessità di avviare presto gli interventi. Tutti aspetti comprensibili, ma che comunque comportano l’approvazione solo sulla base della velocità dell’inoltro della domanda, e non perché valutati puntualmente”.

“Saremo una voce fuori dal coro, ma non riteniamo – ha poi concluso Bonomo – che una soluzione di questo genere sia quella più efficace. Inoltre, auspichiamo che vengano inibiti senza eccezione tutti gli invii massivi delle domande con meccanismi informatici, dove una domanda equivale a una postazione computer e a un inoltro. Non vogliamo neppure immaginare che ci possano essere soggetti in grado di dire che il 100% delle domande da loro predisposte per le imprese assistite sono andate a buon fine. Servono verifiche in questo senso”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button