Sport

Vicenza-Pescara, Marino : “La posta in palio è alta”

Una sfida decisiva quella che attende il Vicenza domani sera quando al Menti arriverà il Pescara. Le due squadre vogliono aggiudicarsi il pass per disputare la finale dei playoff valida per la promozione in serie A. Allo stadio Adriatico, il match di andata, è finito con un pareggio a reti bianche, perciò domani sarà davvero fondamentale fare bene e non commettere distrazioni. Mister Marino è fiducioso e recupera pedine importanti: “Forse all’andata abbiamo avuto qualche problema in più. Per domani recuperiamo due giocatori importanti come Cocco e come Di Gennaro. Dispiace che ne manchino altri ma sia Gentili che Camisa ad esempio contro lo Spezia hanno disputato una grandissima gara e danno ampie garanzie e trasmettono la giusta serenità al reparto. La settimana scorsa avevamo anche dei ragazzini in panchina. Non sono entrati, per parlare del reparto offensivo, né Pettinari né Pasquato. Il Vicenza è partito con altri obiettivi, le squadre che hanno speso tanto per vincere il campionato, anche direttamente, possiedono un organico ampio per qualità e per quantità. Sono contento dei ragazzi, anche all’andata la squadra ha disputato una buona gara e hanno sempre risposto presente. Essere arrivati a giocarci l’accesso alla finalissima davanti al nostro pubblico credo sia il massimo. E’ un sogno che speriamo possa diventare realtà domani. Siamo sempre stati un gruppo predisposto al gioco e all’attacco. La posta in palio è alta, giocare su due risultati poteva essere anche pericoloso. Il Vicenza non ha mai mollato e in diverse occasioni ha recuperato e ribaltato le partite”.

Gli abruzzesi scenderanno in campo più agguerriti che mai per poter calcare ancora una volta il prestigioso palcoscenico della massima serie: “L’obiettivo del Pescara era quello di vincere il campionato direttamente. Non sempre vincono i più forti e il campionato di Serie B lo ha dimostrato. In questo tipo di partite conta la serenità nell’approccio alla gara, come è stato fatto all’andata. All’andata abbiamo tenuto il gioco sino al ventesimo della ripresa. Dopo aver colpito il palo gli avversari hanno preso coraggio e l’ingresso di Caprari ha creato qualche pericolo. La palla per noi non bruciava, il Vicenza ha mantenuto sempre la propria fisionomia e identità di gioco. Il Vicenza dovrà rimanere concentrato su quello che sa fare, senza eccedere. Saranno novanta minuti, c’è il tempo per ribaltare le cose”.

Un piccolo vantaggio per i biancorossi è rappresentato dal fatto di giocarsi il tutto e per tutto davanti al pubblico di casa: “l fattore campo conta, deve contare. I nostri tifosi ci hanno sempre dato una grossa mano, ci fa piacere aver riportato entusiasmo ad un pubblico passionale. Sarà un colpo d’occhio importante vedere lo stadio gremito, dovrà darci degli stimoli particolari. Puntiamo ad accedere alla finale in casa nostra, davanti alla nostra gente, di più non potevamo chiedere”.

La nostra diretta a partire dalle 21…

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button