Economia

Al “Masotto” il Premio Meccatronica di Apindustria

Un gruppo di di studenti dell’istituto superiore “Umberto Masotto” di Noventa Vicentinala ha vinto la 30ma edizione del Premio Meccatronica, il concorso rivolto agli istituti superiori a indirizzo industriale organizzato dalla categoria dei metalmeccanici di Apindustria Confimi Vicenza, con il patrocinio di Miur, Regione Veneto e il contributo della Camera di Commercio di Vicenza. Le premiazioni si sono tenute venerdì  scorso, nella sede dell’associazione, a Vicenza. Assieme ai ragazzi di Noventa, si spartiranno montepremi di 8 mila le delegazioni del De Pretto di Schio e dell’Itis Fermi di Bassano del Grappa, classificatisi rispettivamente al secondo e terzo posto, mentre quarti ex aequo sono arrivati l’Ipsia Scotton di Bassano e un secondo gruppo del Masotto.

Pur dovendo stilare una classifica, la commissione giudicatrice dei metalmeccanici di Apindustria ha comunque manifestato grande apprezzamento per la qualità delle proposte presentate sul tema “Motorizzazione elettrica di una bicicletta”. A partire da una bicicletta comune che è stata fornita a tutti gli istituti partecipanti, ai ragazzi è stato chiesto lo sviluppo di un veicolo a pedalata assistita con energia elettrica, con un limite massimo di velocità raggiungibile di 25 chilometri orari, come previsto dai limiti di legge, e l’innesto dell’aiuto del motore subordinato alla pedalata per non rendere il veicolo equiparabile ad un ciclomotore.

L’obiettivo energetico finale è stato fissato nella produzione di una potenza pari a un minimo di 100 W alla ruota per un tempo di 60 minuti. “Sono molto contento – ha commentato il presidente di Apindustria  Vicenza, Flavio Lorenzin-, del lavoro che portiamo avanti per stabilire un contatto diretto con il mondo della scuola, dal quale escono anche gli imprenditori di domani, e i talenti che avranno tra le mani il futuro del nostro paese. Ringrazio i dirigenti scolastici e gli studenti, che ancora una volta ci hanno entusiasmato per la loro voglia di fare, di proporre, di confrontarsi”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Paolo Rizzato, presidente Confimi impresa meccanica, la categoria settoriale più numerosa all’interno Apindustria. “Siamo rimasti ancora una volta stupiti – ha detto Riozzato – per la qualità dei lavori e la capacità dimostrata dagli studenti nella ricerca di soluzioni ottimali da applicare nel quotidiano. Questo ripaga gli sforzi che ogni anno dobbiamo affrontare per far entrare le imprese nelle scuole, e valorizzare quei giovani talenti che un domani diventeranno una grande risorsa per il mondo produttivo locale”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button