lunedì , 20 Settembre 2021

Vicenza virtuosa secondo il Conto consuntivo 2014

“L’ennesima prova di un bilancio sano, solido e prudente, prodotto da un Comune che risulta il migliore del Veneto e tra i più virtuosi d’Italia nel rapporto tra contenimento della spesa e qualità dei servizi erogati”. A parlare così è il sindaco di Vicenza, Achille Variati, al termine della riunione di giunta che, nei giorni scorsi, ha approvato il conto consuntivo 2014. La soddisfazione del sindaco per i risultati raggiunti trova un fondamento anche nella recente indagine del Sose, agenzia del Ministero dell’economia e delle finanze, che, dopo aver indicato Vicenza come terzo comune d’Italia per contenimento della spesa, ha ora verificato il livello dei servizi offerti, assegnando al capoluogo berico otto stellette su dieci e ponendolo in vetta alla classifica regionale (dati su Opencivitas – Sose).

Achille Variati
Achille Variati

Il consuntivo 2014 è stato redatto, per la prima volta in tutta Italia, secondo i criteri della nuova contabilità per cassa, che Vicenza, come ente sperimentatore, aveva già in parte adottato negli scorsi tre anni. “La nuova contabilità – ha spiegato l’assessore alle risorse economiche Michela Cavalieri – ha comportato una meticolosa e prudenziale analisi sugli accantonamenti, in particolare sul fondo svalutazione crediti e su contabilità di lunga durata, che ha evidenziato un avanzo di amministrazione più alto dello scorso anno, e pari complessivamente a 4 milioni e 350 mila euro. Di questa cifra, 1 milione e 450 mila euro è già stata utilizzata per contenere la pressione fiscale. Il resto, compatibilmente con il patto di stabilità, può essere speso per la riduzione del debito o in investimenti. La giunta ha scelto questa seconda strada, decidendo di investire questo tesoretto in lavori pubblici, a partire dalla sistemazione di strade e marciapiedi”.

Michela Cavalieri
Michela Cavalieri

Ma quella dell’importante avanzo di amministrazione non è l’unica buona notizia che emerge dall’analisi del conto consuntivo 2014. “La nostra capacità di spesa – ha aggiunto infatti l’assessore Cavalieri – corrisponde al 97% di quanto avevamo previsto: ciò significa che abbiamo rispettato programmi e impegni. Per quanto riguarda inoltre il rapporto con i fornitori, il nostro indice di pagamento è di 53 giorni dalla data di ricevimento della fattura, con prospettive di ulteriore riduzione dovute all’introduzione della fatturazione elettronica”.

Infine un dato importante anche sul fronte dei risparmi di spesa relativi al funzionamento della macchina comunale. “Avevamo previsto mezzo milione di euro – ha infatti annuncia l’assessore alla semplificazione e innovazione Filippo Zanetti –, ma abbiamo risparmiato ben di più, quasi 760 mila euro. Un risultato significativo sia in termini di soldi che non pesano sulla collettività, sia in relazione all’efficentamento dell’organizzazione interna, sia perché questa cifra sarà conteggiata dal Ministero dell’economia come recupero virtuale di quelle somme che gli ispettori avevano considerate non dovute al nostro personale”.

“Grazie al lavoro dei nostri dipendenti – ha concluso infine Variati – che si sono impegnati a tutti i livelli per contenere le spese del Comune, possiamo chiudere anche questa vicenda senza toccare i premi di produttività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità