Vicenza

Vicenza, sarà più dolce sedersi al Teatro Olimpico…

Il Teatro Olimpico di Vicenza non ha certo bisogno di presentazioni, e tutti conosciamo la magica atmosfera che emana durante uno spettocolo. C’è più gusto, insomma, all’Olimpico… Se si fosse dovuto trovare un difetto, si poteva solo pensare alla seduta che aveva a disposizione lo spettatore, un po’ dura… Del resto parliamo del primo teatro coperto in muratura realizzato al mondo, con gli interni in legno, stucco e gesso. Posti per il pubblico insomma che sono spartani, come si conviene ad un teatro che è stato pensato e progettato quasi mezzo millennio fa, seppur dal più grande architetto della storia, Andrea Palladio.

Possiamo usare il passato, dicendo quanto sopra, perché la seduta all’Olimpico d’ora in po’ sarà più dolce. Questo grazie alla ditta Ares Line, di Carrè, specializzata nella produzione di sedute per l’ufficio e la collettività, che ha donato al Comune di Vicenza 350 nuovi cuscini per i posti a sedere del celebre teatro. I cuscini, di velluto rosso scuro, ergonomici e numerati, sono stati progettati appositamente per l’Olimpico. Sono realizzati in tessuto Style, un prodotto italiano di alta gamma ed ignifugo. Saranno disposti in occasione degli spettacoli che si terranno in teatro, a partire dal Galà d’estate, l’evento del 21 giugno prossimo organizzato per raccogliere fondi a sostegno dell’orchestra del Teatro Olimpico.

olimpico-cuscini-dettaglioL’iniziativa della Ares è stata presentata oggi, in una  conferenza stampa alla quale hanno partecipato Roberto Zuccato e Nicola Franceschi, rispettivamente presidente e amministratore delegato dell’azienda, e Jacopo Bulgarini d’Elci, vicesindaco e assessore alla crescita del Comune di Vicenza. “Il Teatro Olimpico – ha ricordato quest’ultimo – storicamente presenta due limiti: il primo è che non è ancora abbastanza noto e valorizzato a livello internazionale, mentre meriterebbe di essere un protagonista, trattandosi del teatro coperto più antico e bello al mondo”.

“Il secondo limite – ha aggiunto Bulgarini d’Elci – è la scomodità delle sedute che fino ad oggi non permetteva una fruizione comoda agli spettatori. Grazie alla sensibilità di Ares Line, alle qualità industriali e professionali che ha messo in campo, abbiamo affrontato e risolto questa seconda criticità, con una nuova dotazione di cuscini davvero confortevoli e di elevata qualità, come dimostra l’autorizzazione data dalla Soprintendenza. E immaginiamo che la scelta fatta da uno dei massimi soggetti d’impresa del Veneto, costituisca un buon esempio anche per altri imprenditori vicentini o veneti che vogliano investire nella cultura”.

“La nostra azienda – ha detto a sua volta Zuccato che, come tutti sanno, è anche presidente di Confidustria Veneto – è interprete e testimone del nuovo manifatturiero, sia perché investiamo in capitale umano innovativo dalle elevate competenze, sia per il forte legame con la cultura e il territorio. Siamo frequentatori assidui del Teatro Olimpico e ci siamo chiesti come poter restituire alla città parte di quel bene immateriale e prezioso rappresentato dalla cultura che riceviamo. Siamo quindi felici di aver offerto il nostro contributo alla collettività, perché è anche grazie al rapporto con la cultura e le bellezze di un territorio che un’azienda costruisce il proprio successo nel mondo”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button