Breaking News

Vicenza e provincia cronaca

Vicenza, arrestato per droga e non è la prima volta –

Il curriculum di precedenti è abbastanza lungo e l’arresto di ieri non ha fatto altro che aumentare i reati a suo carico. Mohamed Amine Chelboi, algerino di venticinque anni, residente a Vicenza, sposato con un’italiana che gli ha dato un figlio, motivo per il quale non può essere estradato, è finito in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, ieri, mentre si trovava al bar Magic di viale della Pace è stato trovato dalla Polizia di Stato, durante un controllo, con della droga. Alla vista dei poliziotti Chelboi ha cercato di disfarsi di due involucri e ha tentato la fuga. Subito è stato bloccato e i sacchetti che aveva gettato sono stati recuperati: contenevano rispettivamente 6,28 grammi di cocaina e 6 involucri di hashish per un totale di 59,44 grammi. Addosso aveva un bilancino di precisione e un coltello. Durante la perquisizione domiciliare gli agenti hanno rinvenuto 2,05 grammi di cocaina nascosta in un armadio del salotto. Portato in Questura, l’algerino è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti ed è emerso che deve espiare un cumulo di pene, tutte connesse a reati di droga, a Vicenza, per un totale di un anno e 25 giorni, oltre al pagamento di 5 mila euro di multa. Ora si trova agli arresti domiciliari.

Vicenza, truffa online

Le truffe online ora si fanno anche coi giochi per bambini. Vittima è un giovane di Longare che dopo aver visto su un sito di vendite online i prodotti ludici ha contattato il venditore e ha pagato 200 euro tramite bonifico. La merce però non è mai arrivata così il giovane si è rivolto ai carabinieri di Longare per sporgere denuncia. Le indagini hanno portato a denunciare per truffa aggravata una 44enne residente in provincia di Pisa, nota alle forze dell’ordine.

Vicenza, mazza da baseball in auto

In auto avevano una mazza da baseball lunga 75 centimetri che tenevano nascosta nel bagagliaio e sono stati denunciati per porto abusivo di armi o oggetti atti a offendere. Un tunisino di 25 anni, residente a Vicenza, con precedenti, e una vicentina di 31 anni, anche lei con precedenti, sono stati fermati dai carabinieri, durante un controlli, in viale San Lazzaro. Il controllo ha permesso ai militari di rinvenire la mazza che è stata poi sequestrata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *