Economia

Immobiliare, incontro a Vicenza sul “rent to buy”

“Il rent to buy, opportunità per le imprese”, è questo il tema di un incontro che si terrà a Vicenza, giovedì 7 maggio, organizzato a palazzo Bonin Longare da Confindustria. In realtà è il gruppo dei Giovani imprenditori edili di Confindustria Vicenza che inaugura, con questo appuntamento il ciclo di eventi intitolato “Menti d’opera. Progettiamo nuovi piani per il futuro dell’edilizia”. Le prospettive offerte dal rent to buy, una disciplina recente che può dimostrarsi un’interessante opportunità di ripresa per il mercato immobiliare.

A grandi, linee, in cosa consista il rent to buy, dovrebbe essere già noto a molti: si stipula con il venditore di un immobile un contratto che prevede per chi acquista, dopo il versamento di un acconto, il pagamento di un canone del quale la metà è un affitto a fondo perduto, mentre l’altra metà va a costituire un deposito che sarà detratto dall’importo totale da pagare in futuro, al momento per l’acquisto finale dell’immobile. Resta il fatto che questo tipo di accordo di compravendita immobiliare, anche per il suo carattere innovativo, è ancora un argomento nebuloso le cui prospettive devono essere inquadrate e definite.

Di qui la necessità di far chiarezza e dare le giuste informazioni al mondo imprenditoriale. A spiegare le opportunità offerte dal rent to buy, nell’incontro di Vicenza, sarà il notaio Giovanni Rizzi, uno dei massimi esperti nazionali del tema, che parlerà delle caratteristiche di questa nuova disciplina, delle differenze con i contratti di locazione di compravendita e degli obblighi in capo al concedente e all’acquirente. A descrivere le prospettive del mercato sarà invece Gianfranco Stocco, presidente Fiaip Vicenza. I relatori saranno introdotti dal presidente della Sezione costruttori edili di Confindustria Vicenza, Antonio Vescovi, e dal coordinatore dei Giovani imprenditori edili, Paolo Zarantonello.

“Competenza e innovazione – ha spiegato Zarantonello – sono le due parole chiave che guidano il nostro lavoro. Per portare il nostro contributo alla filiera dell’edilizia, abbiamo quindi sviluppato questo ciclo di incontri che vuole approfondire aspetti molto pratici del fare edilizia a partire dalle esigenze raccolte tra i giovani edili. Per questo i giovani imprenditori edili hanno deciso di affrontare il tema nel primo appuntamento di un ciclo di incontri dal format dinamico, interattivo e orientato a un pragmatico scambio di opinioni tra imprenditori, professionisti ed esperti”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button