Economia

Formaggi protagonisti oggi all’Expo di Milano

“Ce li invidia tutto il mondo, tentano maldestramente di copiarceli, ma non esiste ancora una normativa in grado di tutelare il Made in Italy da una contraffazione alimentare che movimenta svariati milioni di euro. Ed a fronte di questo le aziende vicentine e venete chiudono con un significativo danno per tutto l’indotto”. Con queste parole il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola, interviene a conclusione della Giornata del latte svoltasi questa mattina all’ Expo di Milano, alla presenza del presidente nazionale Roberto Moncalvo e di centinaia di allevatori del Nord Italia, con un’importante rappresentanza vicentina.

Martino Cerantola
Martino Cerantola

La delegazione vicentina ha raggiunto la città dell’Esposizione universale facendo sentire in particolare la voce dei produttori di formaggio Asiago, ma anche dei colleghi di tutto il Veneto, in rappresentanza delle 3500 imprese zootecniche produttrici di 10 milioni di quintali all’anno, dei quali il 60% è destinato alle eccellenze di pregio come, appunto, l’Asiago, il Grana Padano, il Montasio, il Piave, il Provolone Val Padana, il Monte Veronese e la Casatella Trevigiana.

“L’italian sounding rappresenta un business non indifferente per gli habitué della contraffazione – sottolinea il presidente Martino Cerantola – e gli effetti li paghiamo duramente tutti noi, compresi i consumatori finali, privati della possibilità di consumare cibi autentici e costretti ad accontentarsi di ciò che viene passato per tipicità, ma non ha nulla di italiano, se non il nome, che il più delle volte è pure storpiato”.

formaggi-coldirettiE’ emblematico il caso degli Stati Uniti, dove il 99 per cento dei formaggi di tipo italiano sono dei falsi, sebbene il nome richiami le nostre specialità più note. Dallo studio presentato da Coldiretti in occasione del primo cheese test tra falso e vero Made in Italy, con chef stellati e casalinghe di Voghera al Padiglione della Coldiretti all’ Expo, risulta che i più imitati sono l’Asiago, la mozzarella, la ricotta, il provolone, il pecorino romano, il grana padano ed il gorgonzola.

“Una situazione insostenibile – ha concluso Cerantola – a fronte della quale servono misure chiare ed urgenti a tutela delle nostre aziende, ma anche di un’economia italiana che in ogni settore dimostra una fragilità divenuta endemica al sistema e dalla quale, invece, bisogna uscire con decisione”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare...
Close
Back to top button