Breaking News

Basket maschile, fiato sospeso su Vicenza

Accade così che la tua squadra domini un’intera stagione, che passi al secondo turno e vinca le prime due partite senza grosse difficoltà; e nonostante questo la sfida decisiva è soltanto una, tra andata e ritorno, contro l’altra squadra a punteggio pieno. Questo è il destino della Pallacanestro Vicenza, che contro Falconara cede in casa, e consegna agli avversari la leadership nel girone che vale la promozione diretta in serie B. La beffa è che se non fosse stato per il secondo quarto di gioco, Vicenza avrebbe vinto la partita del PalaGoldoni a mani basse. Il parziale di quel periodo grida però vendetta: un mortifero 9-27 che fa sprofondare i berici anche a -20. Dopo l’intervallo, Deanesi piazza i suoi a zona e Tisato (12 punti, con tre bombe) aggiusta la mira in attacco: Vicenza rosicchia punto su punto, anche grazie a un Benassi (9) infallibile ai liberi e ad un Campiello (17 punti e 8 rimbalzi) che ritorna a far la voce grossa nel pitturato. Ma il cronometro è tiranno, e quando Vicenza si trova sotto di appena due possessi (72-76), alla sirena finale mancano solo 12 secondi. E’ allora che coach Deanesi decide di non fare fallo, e di chiudere la partita con soli 4 punti di scarto: la missione è ribaltare il passivo tra sette giorni in terra marchigiana. Per tutti i tifosi interessati, la società mette a disposizione un pullman gratuito per la trasferta.

Grande prova del Dueville in casa contro la Cestistica Verona, nella gara-due dei quarti di finale. Shcherbyna (19 punti alla fine) e compagni la spuntano solo dopo un tempo supplementare, in una sfida giocata punto a punto per quarantacinque minuti. Forner (15), Caneva (13) e De Marco (11) portano a casa il tabellino migliore, ma è tutta la squadra ad essere premiata per una stagione che era cominciata con quattro sconfitte consecutive, e che si conclude con l’onore di essere tra le prime quattro squadre del veneto, pronti a lottare per un’insperata promozione. La semifinale sarà contro un’altra veronese, quel Villafranca che ha dominato la stagione regolare chiudendo largamente avanti a tutti, ma che dopo un primo turno balbettante avrà ora tutta la pressione sulle sue spalle.

Dura invece solo otto minuti gara-due tra Piovene Rocchette e Altavilla, con quest’ultima che decide di giocare senza i suoi due migliori marcatori di gara-uno e di fatto resiste solo nei primissimi minuti. Appena coach Foladore fa respirare il quintetto base, Stella (15) e compagni volano oltre la doppia cifra di scarto, e l’ottavo di finale finisce lì: 55-79 il finale. Bene per Summano, che può continuare a lottare per quella promozione sfuggita in stagione regolare solo all’ultima giornata: nei quarti affronterà Abano Terme, squadra altalenante e sicuramente alla portata dei ragazzi di Miotti. Ai playout, Araceli non sbaglia in casa e chiude subito i conti per la salvezza, battendo Riviera per 75-61 con una grande prova di Pressanto (23 punti). Dopo il primo anno di ambientamento in serie D, comincia per loro un’estate impegnativa, se l’obiettivo è quello di essere più competitivi.

Per il campionato di Promozione provinciale, gara-uno di playoff ha visto vincenti le squadre dell’Argine e di Schio, che battono rispettivamente Marano per 63-39 e Isola Vicentina per 41-50. Gara-due della prima serie è prevista questa sera alle 21 in quel di Marano, Schio invece cercherà di chiudere i conti in casa, mercoledì alle 21.15.

R.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *