Breaking News
Dietro il paesaggio

Weekend di camminate, musica e spettacoli

Questo lungo weekend che apre il mese di maggio può anche essere vissuto all’insegna della riscoperta del territorio dell’Alto vicentino, prendendo spunto dai versi del poeta trevigiano Andrea Zanzotto che con le sue riflessioni sul paesaggio veneto, tra natura e impronte dell’uomo, ha lasciato una traccia indelebile nella letteratura e nella cultura non solo locale. A proporlo è l’iniziativa Dietro il Paesaggio, un viaggio di esplorazione e conoscenza attiva del territorio organizzato dal gruppo Vaghe Stelle e dall’associazione vicentina EQuiStiamo.

La quarta edizione del progetto, partito da Posina con tappa finale a Zugliano, propone un’esplorazione dei luoghi fatta a piedi e senza fretta, con lo spirito e la consapevolezza di poter sviluppare una conoscenza attiva dei territori e immaginare nuove geografie del lavoro e dell’abitare, nuovi e diversi stili di vita più sostenibili, in quelli che lo scrittore vicentino Enio Sartori definisce territori soglia, aree capaci di esprimere relazioni, di tenere insieme cose e persone.

Il gruppo di camminatori percorre un itinerario a piedi attraverso la fascia pedemontana vicentina, da Valli del Pasubio a Zugliano, passando per Posina, Laghi, Arsiero e Caltrano, alla scoperta delle realtà economiche, culturali e sociali del territorio. Il cammino però non è fine a se stesso, ma coinvolge i diversi luoghi attraversati con una serie di eventi pubblici: incontri, letture, concerti, per condividere momenti di riflessione e di festa.

Con il patrocinio dei comuni di Arsiero, Caltrano, Chiuppano, Laghi, Piovene, Posina, Valli del Pasubio, Velo d’Astico, Zugliano e in collaborazione con alcune associazioni del territorio come Ecotopia di Schio, Cà dell’Agata di Zugliano e la Scuola dei Beni Comuni di Santorso, Dietro il Paesaggio è la continuazione di precedenti esperienze di viaggio a piedi sui Colli Berici e tra le valli dell’Agno e del Leogra. Gli ideatori e i partecipanti pongono al centro il camminare come modo di creare relazioni, promuovere consapevolezza e produrre conoscenze. Il tutto con l’intenzione di costruire una rete di economia solidale e di realizzare percorsi per un turismo più responsabile.

Il gruppo Valincantà
Il gruppo Valincantà

La giornata di oggi, primo maggio, si terrà –  tempo permettendo – sul Colle di San Rocco di Arsiero alle 16.30 con Lavoro in festa – Job facts, spettacolo di reading a ingresso libero con il gruppo teatrale Fratelli Dalla Via di Tonezza accompagnati dalle musiche del gruppo folk altovicentino Valincantà, i quali racconteranno temi di grande attualità come il lavoro e l’emigrazione. In caso di maltempo l’evento si terrà al palazzo del Municipio di Arsiero. I Valincantà suoneranno in anteprima anche alcuni brani del nuovo Cd in uscita il prossimo 16 maggio.

Sabato 2 maggio alle 14 da piazza Dante a Caltrano partirà una camminata pubblica sul tema Geografie Valdastiche, un’occasione aperta a tutti per pensare la Val d’Astico come laboratorio per un’economia nuova, tra sociale, turismo, agricoltura e tutela dell’ambiente. Alla camminata (iscrizione “popolare” a 2 euro) parteciperà anche il geografo Francesco Visentin dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Al termine il parco Sesura di Caltrano ospiterà l’incontro Fare l’impresa – Innovare con la responsabilità sociale, con diversi relatori e titolari di aziende e cooperative locali e la partecipazione dell’economista Andrea Marella dell’Università di Padova. Intermezzi musicali del Canzoniere Vicentino.

Giornata finale domenica 3 maggio con l’evento Perché siamo… arrivati!, a Zugliano negli spazi dell’eco-agriturismo Ca’ dell’Agata dove a partire dalle 15 ci sarà l’inaugurazione con visite guidate del sentiero di permacultura creativa, mentre la Bandabrian coinvolgerà tutti i presenti nei festeggiamenti a ritmo di canti e balli popolari.

Alessandro Scandale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *