giovedì , 25 Febbraio 2021

Vicenza, blitz No dal Molin contro la servitù militare

Blitz di una cinquantina di attivisti del Presidio No Dal Molin questa mattina a Vicenza. La protesta  andata in scena sui binari sotto la passerella ferroviaria del quartiere cittadino dei Ferrovieri, in Via D’Annunzio, quei binari ” utilizzati dai militari americani – scrivono gli attivisti in un resoconto della loro iniziativa – per il carico e lo scarico dei mezzi diretti nelle zone di guerra”.

“Abbiamo aperto il cancello – continua il Presidio – che conduce alla ferrovia e abbiamo attaccato all’interno alcuni striscioni denunciando l’utilizzo di questa area come una vera e propria servitù militare. Crediamo sia grave e pericoloso che operazioni complesse con decine di mezzi di grandi dimensioni vengano fatti passare in una zona residenziale e di fronte a una scuola frequentata da centinaia di studenti”.

I giovani attivisti hanno anche, simbolicamente, rinchiuso il cancello “con uno striscione che richiamava il sequestro dal basso, perché non vogliamo che dai nostri territori partano le guerre nel mondo. Vogliamo avere risposte riguardo a chi ha concesso quest’area per scopi militari, quali sono i termini dell’autorizzazione e chiediamo anche all’amministrazione comunale di prendere una posizione in merito”.

Il prossimo appuntamento è previsto per la giornata del 25 aprile, alle ore 11, quando la protesta dei No dal Molin partirà da  Via D’Annunzio e attraverserà in bicicletta i siti militari della città, con un picnic finale lungo l’argine del Bacchiglione, a fianco dell’ex aeroporto Dal Molin.

Alcune immagini della protesta nel video in alto nella pagina. Cliccare play per vedere ed ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità