Breaking News
Il tecnico del Vicenza Pasquale Marino
Il tecnico del Vicenza Pasquale Marino

Vicenza-Varese, Marino: “Dare il massimo”

A sei giornate dalla fine il Vicenza guarda tutti dall’alto: secondo posto, in coabitazione col Bologna, che vuole dire promozione diretta in Serie A (in vantaggio sui rossoblu per gli scontri diretti). Nonostante questo Pasquale Marino predica calma, concentrazione e determinazione da tirare fuori in ogni partita, perché ogni gara va affrontata come fosse una finale.

Domani pomeriggio (fischio di inizio alle 15) al Menti arriva il fanalino di cosa Varese, ma per il tecnico biancorossi non sarà un match facile: “In questo tipo di partite abbiamo solo da perdere, i ragazzi lo sanno che i giocatori del Varese hanno dimostrato grande professionalità nonostante il momento non semplice che stanno attraversando. La prestazione condotta contro l’Avellino deve servirci da ulteriore stimolo. Da parte nostra non potranno esserci cali di tensione e non si deve pensare che possa essere una partita facile. Il Varese ha dimostrato che non sta mollando nulla. Dovremo affrontarli al massimo delle nostre condizioni fisiche e psicologiche per cercare di portare a casa un risultato pieno sfruttando il fattore campo”.

La sua squadra sta vivendo un momento magico, da anni non si respirava aria di Serie A, però bisogna restare con i piedi per terra: “Il Vicenza ha dimostrato continuità di prestazioni e di risultati, sono contento di questo. Ora serve dare tutto in queste ultime partite. Ci troviamo alla volata finale, si deve dare il massimo e aumentare l’attenzione. Il nostro atteggiamento non cambia. Si fanno sacrifici per raggiungere certi risultati ma è altrettanto difficile mantenerli. Tutto parte dai risultati che generano entusiasmo e diventano trainanti per diverse componenti. Se il Vicenza va bene – continua Marino – il pubblico si avvicina alla squadra perché la passione esiste sempre. I tifosi ci stanno aiutando moltissimo in questa fase della stagione, sia in casa che in trasferta, anche nei momenti di difficoltà. Si è creata una bella sintonia tra le diverse componenti. Tutti cercano di fornire il proprio contributo”.

Infine una battuta sui singoli elementi: “Brighenti sta discretamente, oggi ha lavorato a parte a titolo precauzionale per un dolore al ginocchio, nulla di particolare. Abbiamo tre partite all’orizzonte e cercheremo pertanto di gestire le forze. Ragusa è pronto, magari per tutti i novanta minuti. Vedremo domani. Con l’assistenza di D’Elia potrò contare sulla soluzione Laverone o Garcia tena. Dispongo di più opzioni”.

La nostra diretta a partire dalle 15

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *