Breaking News

Vicenza-Avellino, Marino: “Dobbiamo vincere in casa”

Domani sera, alle 20.30, allo Stadio Menti di Vicenza, andrà in scena una partita tra due squadre che lottano per la promozione in Serie A. Vicenza e Avellino non hanno alcuna intenzione di lasciarsi sfuggire la posta in gioco, altissima. Gli irpini hanno soltanto un punto in meno dei biancorossi quindi i padroni di casa, per rimanere in corsa, devono vincere. Mister Marino, a poche ore dal match, commenta così: “Domani ci attende una gara molto importante contro un avversario forte che sta dando continuità al progetto tecnico partito dalla Lega Pro. Ad otto partite dalla fine siamo lì, ognuno tirerà fuori il meglio. Siamo molto arrabbiati perché nelle ultime due partite dovevamo fare punti ma ne abbiamo raccolto appena uno. Dobbiamo fare meglio sotto il profilo dei risultati perché per quanto riguarda le prestazioni poco possiamo rimproverarci”.

Prestazioni ottime dunque, ma qualche errore che a volte può costare caro e cambiare le sorti della partita. Ed è proprio questo che bisognerà evitare domani: “Gli errori ci sono sempre, la perfezione non esiste, ma a volte ti va bene, altre ti castigano. In questo periodo però appena commettiamo un errore lo paghiamo. All’andata al Partenio abbiamo fatto una buona gara anche soffrendo perché l’organico dell’Avellino è ben strutturato – prosegue il tecnico – e possono contare su una batteria di attaccanti validi e forti fisicamente. Possiedono complessivamente un’ottima squadra e una buona organizzazione di gioco. Durante la settimana abbiamo lavorato bene soffermandoci su determinati aspetti come sempre facciamo. Siamo stati in pausa solo il giorno di Pasqua perché in questa fase è necessaria concentrazione e continuità”.

Marino si è poi soffermato anche sulle vicende che hanno coinvolto la società: “Le vicende societarie non sono mai state oggetto di argomento nello spogliatoio. Riusciamo ad isolarci bene da tutto. Questa squadra è matura anche in questo. Dobbiamo pensare solo a fare bene il nostro lavoro sul campo, la società ci è sempre vicina”.

“Domani sarà una gara molto difficile ma possediamo la consapevolezza che questa rabbia accumulata, complici i punti immeritatamente persi, possa fare la differenza sul campo e ci porti a dare il massimo. E’ ora di tornare a vincere in casa perché il successo ci manca un po’ e dobbiamo cercare di ripartire tornando alle nostre abitudini”.

Infine una battuta su Ragusa: “Ragusa è Ragusa, quello che può dare lo conosciamo. Anche se per arrivare ad essere quello ci vuole ancora del tempo. Purtroppo le partite sono sempre tiratissime, lui avrebbe bisogno di giocare dall’inizio ma il tempo stringe e a campionato in corso non è mai facile per nessuno. L’augurio è che possa darci una mano in questo finale”.

La nostra diretta a partire dalle 19.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *