domenica , 12 Settembre 2021
Un treno locale - Foto: Ivanfurlanis (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)

Treni, la linea Vicenza-Schio va raddoppiata

“La Regione dovrà trovare una soluzione per compensare i già annunciati tagli dei trasferimenti nazionali per il trasporto pubblico locale. E parallelamente alla realizzazione della Tav tra Verona, Vicenza e Padova, che spetta allo Stato, la Regione dovrà trovare i fondi per gli interventi finalizzati ad ammodernare la rete ferroviaria minore per integrare ferrovia e gomma nel trasporto pubblico. In provincia di Vicenza ci interessa particolarmente la tratta Vicenza-Schio, e ci vorranno almeno 6 milioni di euro.”

Costantino Toniolo
Costantino Toniolo

Sono parole del presidente della Commissione bilancio del Consiglio regionale del Veneto, Costantino Toniolo, pronunciate dopo aver appreso dei chiari di luna sui fondi statali in materia di trasporto pubblico locale.

“E’ evidente che in sede di conferenza Stato Regioni non bisogna mollare sui trasferimenti dei fondi Tpl – ha aggiunto Toniolo -, ma è altrettanto chiaro che vi sarà un taglio. Quindi, sul lungo termine, dobbiamo pensare ad un modo più efficiente di concepire il trasporto pubblico, eliminando i doppioni tra gomma e rotaia e integrando la gomma alla rotaia. Ma per fare questo dobbiamo trovare anche i fondi per ammodernare le linee ferroviarie minori”.

In particolare la linea Vicenza-Schio, secondo il consigliere regionale, potrebbe “fare da spina dorsale ad una serie di servizi su gomma per collegare i paesi lontani dalla ferrovia, e l’ideale sarebbe farla funzionare come una metropolitana di superficie”.

“Lo stato di questa linea ad oggi – ha concluso Toniolo – è pietoso, e non è all’altezza di una delle regioni più sviluppate d’Europa. C’è una sola rotaia, vi sono convogli che non soddisfano la richiesta dei pendolari, con le Ferrovie che sono costrette ad integrare le corse con le autocorriere. Un controsenso. Un punto sul quale mi batterò nella prossima legislatura è proprio il raddoppio della ferrovia Vicenza-Schio, la ristrutturazione e rivitalizzazione delle stazioni, la realizzazione dei sottopassi, per dire basta ai passaggi a livello, e l’ammodernamento del materiale rotabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità