"La morte di Seneca" - Rubens, 1615

Torna a Bassano del Grappa il Certamen Senecanum

Si terrà domenica 12 aprile, a Bassano del Grappa, presso il Liceo Ginnasio “Brocchi”, la decima edizione del Certamen Senecanum, competizione di eccellenza disciplinare accreditata nel programma nazionale delle eccellenze del Ministrero dell’Istruzione. Si tratta di un progetto dell’associazione Dialogos, ente promotore e rappresentante legale del Certamen presso il Ministero, che lo organizza assieme agli assessorati all’istruzione e alla cultura del Comune di Bassano e al Liceo “Brocchi”. C’è anche il patrocinio della Giunta regionale del Veneto, del Ministero, dell’Ufficio scolastico regionale per il Veneto, del Rotary Club Castelli di Bassano del Grappa, e della Provincia di Vicenza. Il Certamen si avvale infine della collaborazione scientifica della Consulta universitaria di studi latini, dell’Università Cà Foscari di Venezia e dell’Università di Padova.

La manifestazione è fra i quattro certamina del Veneto accreditati dal Ministero per le olimpiadi classiche. Gli altri certamina sono il Certamen Talenti per il Futuro, promosso anch’esso dall’associazione Dialogos, Certamen Livianum, del Liceo Tito Livio di Padova, e il Certamen Viscidi, di Aicc Padova. La sua finalità è di alimentare nei giovani la riflessione sull’attualità del pensiero di Seneca, evidenziare temi della sua opera che hanno rappresentato, e rappresentano, momenti importanti nella formazione della coscienza europea. Mettere infine in luce l’originalità degli strumenti della comunicazione retorica in Seneca.

Si articola in due sezioni dal titolo “Interpretare Seneca” e “Pensare l’oggi con Seneca”, e deve la sua specificità proprio alla tipologia di queste prove. Tra gli studenti classificati nella scorsa edizione del Senecanum, due hanno poi superato il concorso di ammissione alla Scuola Normale di Pisa ed uno quello di ammissione alla Scuola Superiore Galileiana per la classe di Lettere. Sono ammessi a concorrere quegli studenti dell’ultimo anno dei Licei che hanno conseguito nello scrutinio finale la votazione di 8/10 in Latino. Dallo scorso anno il bando è stato esteso, grazie ad una felice intuizione, agli studenti del penultimo anno, e si è registrata anche la partecipazione di parecchi studenti del Liceo scientifico, che affrontano Seneca proprio nel penultimo anno.

La particolarità delle prove da affrontare richiede, oltre a competenze linguistiche specifiche, preparazione interdisciplinare, curiosità culturale, ricco bagaglio di contenuti personali, elaborati lungo un percorso formativo curriculare ed extra curriculare. Le prove non trovano, infatti, l’equivalente nella didattica del Latino praticata nella scuola italiana e, per questo, hanno suscitato attenzione e interesse in dirigenti scolastici, docenti e studenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *