sabato , 19 Giugno 2021

Schio, corsi formativi per giovani in cerca di lavoro

Cosa viene richiesto a chi fa capolino nel mondo del lavoro? Formazione ed esperienza. Per i giovani scledensi dai 18 ai 35 anni sarà più facile rimpolpare la prima di queste due voci del loro curriculum vitae. È stata avviata infatti una collaborazione tra il Comune e Ascom di Schio che riduce i costi di partecipazione ai corsi di formazione nel settore della ristorazione e per la salute e sicurezza nei posti di lavoro. Una strategia questa, come hanno spiegato i rappresentanti dell’amministrazione e del mandamento di Schio di Confcommercio, che ha un chiaro obbiettivo: alleggerire la spesa dei giovani per la propria formazione ed essere così più appetibili nel mercato del lavoro, considerato anche che questo tipo di corsi sono richiesti per legge.

Barbara Corzato

I corsi formativi e anche di aggiornamento, in programma da giugno a novembre, sono diversi. Si va dall’addetto antincendio e al primo soccorso fino alla formazione di lavoratori per aziende a rischio basso, di carrellisti e di addetti alla manipolazione di sostante alimentari. Ci saranno, poi, anche corsi per barman e di avvicinamento al vino, nonché per esercenti di attività relative ai prodotti alimentari.

Il costo dei corsi sarà ridotto dal 20 al 40 per cento rispetto a quello normale e andrà dai 50 ai 200 euro a seconda del tipo e delle ore previste di formazione. Informagiovani e Ascom sono quindi a disposizione per dare tutte le informazione necessarie.

Guido Xoccato

“Avendo fatto – ha spiegato l’assessore alle politiche giovanili, Barbara Corzato – la cameriera e la barista per pagarmi gli studi, ho conosciuto sulla mia pelle il costo di questo tipo di obblighi formativi. Con questa collaborazione vogliamo, quindi, aiutare i giovani e allo stesso tempo incentivare le aziende ad assumere, visto che non dovranno farsi carico dei costi per la formazione del lavoratore”.

“Nella provincia di Vicenza – ha continuato il presidente Ascom Schio, Guido Xoccato – è la prima volta che si mette in atto questo tipo di task force, tra un’amministrazione e un’associazione di commercianti, per dare un’opportunità del genere ai giovani. In un periodo nel quale è difficile entrare nel mondo del lavoro, un attestato di partecipazione a questi corsi rappresenta un passepartout utile in qualsiasi momento della vita”.

“Quando riceviamo dei curricula vitae – ha detto Renato Cumerlato, barman locale ed esperto formatore – guardiamo sempre sia l’esperienza che la formazione, la quale assicura anche una certa professionalità. Quindi ben vengano questi corsi”.

Martina Lucchin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità