giovedì , 25 Febbraio 2021

Protesta dei dipendenti di Ovvio davanti alle Piramidi

Sit in di protesta questa mattina di fronte al Centro commerciale le Piramidi, di Torri di Quartesolo. Protagonisti sono stati i dipendenti della ditta Ovvio riuniti, anche con  striscioni, per sensibilizzare l’opinione pubblica sul “problema drammatico – come si legge in una nota in proposito – delle maestranze che sono state licenziate dall’azienda senza ricevere né stipendi né  Trattamento di fine rapporto, per un credito complessivo di circa un milione di euro”.

I dipendenti di Ovvio mettono in evidenza, a riguardo il fatto che “la proprietà, più volte contattata, si rifiuta di dialogare con le  lavoratrici e di proporre un accordo”.

Alla mattinata di protesta dei dipendenti della nota azienda di arredo erano presenti anche esponenti del Movimento 5 Stelle per esprimere sostegno alle ragioni dei lavoratori. Tra di essi anche Enrico Cappelletti, senatore eletto nel vicentino, e con lui un folto gruppo di attivisti, che hanno dialogato a lungo con le dipendenti, raccogliendo le loro istanze e le loro proposte.

“Il M5S è – è stato sottolineato dai pentastellati – è molto sensibile a queste tematiche, alla difficile situazione di tanti lavoratori che hanno perso il posto. Siamo l’unico gruppo politico ad aver presentato in Parlamento la proposta del  reddito di cittadinanza, come sostegno concreto a chi viene privato del diritto al lavoro e al reddito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità