lunedì , 26 Aprile 2021
Giordano Riello
Giordano Riello

Nuovo presidente dei Giovani di Confindustria Veneto

Giordano Riello è il nuovo presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria Veneto. E’ stato eletto oggi, alla unanimità, dall’assemblea del gruppo, riunita nella sede di Texa Spa, a Monastier di Treviso, e guiderà i Giovani imprenditori veneti per i prossimi tre anni. Succede al presidente vicario, Davide Guariento, che a sua volta aveva ricevuto da alcuni mesi la guida dei giovani di Confindustria dall’ex presidente Enrico Berto. Riello, 25 anni, veronese, frequenta la facoltà di Economia aziendale e gestione d’impresa all’Università Liuc Carlo Cattaneo. Dal 2011 è membro del consiglio di amministrazione di Rpm Spa, dal 2013 del cda di Aermec Spa. Nel giugno 2013 ha fondato la società En Srls, azienda ingegneristica operante nel settore green economy e riqualificazione energetica di impianti. Nel giugno 2014 ha lanciato il marchio N+ per la produzione di illuminazione a led per edifici industriali, privati, uffici. A marzo 2012 è stato eletto vice presidente del gruppo Giovani imprenditori di Rovigo, con delega alla rappresentanza della provincia al consiglio nazionale di Confindustria. Dal 2013 è membro di giunta nazionale di Confindustria, per la quota Giovani imprenditori.

“La nuova sfida che ci troviamo ad affrontare – ha commentato il nuovo presidente – avrà come linee guide quattro punti cardine: scuola e università, innovazione, internazionalizzazione e sviluppo economico. La volontà è quella di porre i Giovani imprenditori veneti al centro della vita economica e sociale del Paese. Lo sviluppo e la crescita, infatti, non possono non avvenire grazie a quel cambiamento e a quello spirito d’innovazione di cui i giovani imprenditori sono portatori in Veneto e in Italia, poiché rappresentano la forza positiva per rompere le resistenze alla trasformazione. Dobbiamo in ogni caso tener conto che per guardare al futuro occorre guardare prima di tutto alle radici e alle tradizioni, perché l’identità delle nostre aziende è il valore aggiunto che ci permette di essere riconoscibili e competitivi soprattutto nei nuovi mercati. Per questo parallelamente all’innovazione dobbiamo contribuire a quel processo di reindustrializzazione della regione, fondamentale per la crescita”.

Insieme a Giordano Riello, nella squadra di presidenza ci saranno quattro vicepresidenti: Stefania Zuccolotto (marketing), Nicola Corsano (istruzione), Davide Bau’ (nuove imprese). Gloria Gasparini (riforme istituzionali), e due consiglieri delegati: Manuela Galante (internazionalizzazione) e Marco Da Rin (magazine GI Veneto). Nell’ambito dell’assemblea, infine, si è svolta una tavola rotonda sul tema del trasferimento tecnologico tra ricerca e impresa. L’obiettivo dei Giovani imprenditori è quello di far partire dal Veneto una proposta forte, che introduca un nuovo modello di premialità per ricercatori e imprese. Sono intervenuti Alberto Baban, presidente nazionale della piccola industria di Confindustria, Matteo Zoppas, presidente di Confindustria Venezia, Bruno Vianello, presidente Texa Spa, Stefano Micelli, direttore scientifico della Fondazione Nord Est, Valerio Lemma, avvocato e professore associato di Diritto dell’Economia all’Università G. Marconi di Roma. Le conclusioni sono state affidate a Marco Gay, presidente nazionale dei Giovani imprenditori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità