Partigiani sfilano per le strade dopo la Liberazione
Partigiani sfilano per le strade dopo la Liberazione

25 aprile, Vicenza e provincia celebrano la liberazione

A 70 anni dalla fine della Seconda guerra mondiale e dell’occupazione nazi fascista in Italia, Vicenza e la sua provincia celebrano l’anniversario con diverse iniziative. Nel capoluogo, si inizia già domani, mercoledì 22 aprile, con una conferenza spettacolo al Teatro Astra sulla guerra civile e sulla Resistenza. Si terranno, poi, nel centro cittadino le celebrazioni nel giorno della ricorrenza, sabato 25 aprile, con il saluto del sindaco Achille Variati e, tra le altre cose, l’orazione di Carla Poncina. Diversi anche gli eventi in programma nei comuni di Schio e di Marano Vicentino.

“Settanta ben portati”  – Si inizia domani, quindi, a ricordare quanto accaduto in Italia sul finire del secondo conflitto mondiale. “Settanta ben portati” è, infatti, il titolo della conferenza-spettacolo organizzata dalla sezione Anpi di Vicenza, da Istrevi, dall’Associazione volontari della libertà e da Cgil, Cisl e Uil, con il patrocinio del Comune di Vicenza. A partire dalle 20.45 il Teatro Astra di Vicenza ospiterà una lezione di storia, sotto forma di racconto con accompagnamento musicale, tenuta da Emilio Franzina e Hotel Rif, gruppo che vede Mirco Maistro alla fisarmonica, Paolo Bressan ai fiati, Primo Fava alla chitarra, Lorenzo Pignattari al basso e Sabrina Turri alla voce.

La conferenza spettacolo riguarderà gli anni dal 1942 al 1947, e vuol essere un contributo alla storia delle donne e degli uomini che posero le basi per la rinascita del nostro paese e la fondazione della democrazia repubblicana in Italia. Assieme alle vicende degli antifascisti e dei partigiani, ci sarà spazio per le diverse esperienze compiute da coloro che, pur senza prendere le armi, li sostennero con convinzione. Verranno spiegate, poi, anche le ragioni di chi schierandosi a fianco dei nazisti si dichiarò e da subito si mise contro gli antifascisti.

“Alla storia politica e militare – fanno sapere in una nota gli organizzatori – che caratterizzò la lotta per la liberazione dal fascismo e, più in generale, per la libertà, si affiancherà il tentativo di tracciare un profilo delle emozioni e dei sentimenti che contribuirono a forgiarne il senso, come oggi diremmo, in tempo reale, con parole e musiche di quel tempo lontano a cui siamo ancora debitori di molti diritti, oggi invece messi a repentaglio o in discussione da iniziative improvvide e meritevoli tutte di essere contrastate”.

Programma celebrazioni  –  Nel giorno della Liberazione, a Vicenza ci sarà, come dicevamo, un fitto programma di celebrazioni. Si inizia con la messa, alle 10.15, nella chiesa di San Lorenzo, quindi ci saranno il trasferimento in corteo in piazza dei Signori dove, a partire dalle 11.15, è previsto l’ingresso delle autorità, dei labari delle associazioni combattentistiche e d’arma, e del gonfalone della Provincia di Vicenza. Si continuerà con gli onori alla bandiera del Comune di Vicenza, decorata di due medaglie d’oro al valore militare, con l’alzabandiera, la lettura delle motivazioni della medaglie d’oro concesse al corpo Volontari della Libertà e alla Bandiera di Vicenza, l’onore ai caduti e la deposizione delle corone. Seguiranno il saluto del sindaco Achille Variati e l’orazione ufficiale di Carla Poncina, direttrice dell’Istituto storico della Resistenza e dell’Età contemporanea della provincia di Vicenza “Ettore Gallo”.

Celebrazioni anche nel Comune di Schio dove, sabato 25, saranno presenti i sindaci Valter Orsi, Franco Balzi, Umberto Poscoliero, Emanuele Boscoscuro e Armando Cunegato. La cerimonia avrà inizio alle 9.30 dalla piazza Statuto di Schio, dove partirà il corteo che farà tappa in piazza Rossi per l’Alzabandiera e, alle 10, al Chiostro Ossario di AA. Trinità per le commemorazione e la messa. In caso di cattivo tempo i partecipanti si ritroveranno direttamente al Chiostro Ossario di SS. Trinità.

Numerosi anche gli eventi in programma a Marano Vicentino. Domani, mercoledì 22 aprile, alle 20.30 al Cinema Campana, ci sarà una serata dedicata al partigiano medaglia d’argento Benvenuto Volpato, con letture e musica del fisarmonicista Paolo Forte. Per sabato 25 aprile, Festa della Liberazione, è prevista la cerimonia ufficiale a partire dalle 8.30, con la partecipazione dell’Istituto della Resistenza Vicentina, dell’Istituto comprensivo di Marano, del Gruppo Alpini, del gruppo Memoria della Resistenza, del Circolo Armonica, della Cooperativa culturale Cinema Campana, e del gruppo musicale Nuovo Canzoniere Partigiano. Orazioni ufficiali, testimonianze, musica e letture accompagneranno tutta la mattinata.

Sempre nell’ambito delle celebrazioni per il 25 aprile, si terrà mercoledì 6 maggio a Marano il primo di una serie di appuntamenti dedicati al teatro civile. La serata proporrà una lettura teatrale dal titolo “The Beat of Freedom”, di e con Marta Cuscunà. Un racconto corale per i ragazzi e le ragazze di oggi, nel quale Marta Cuscunà, con l’assistenza di Marco Rogante, leggerà oltre cento lettere che raccontano la gioventù dei partigiani, accompagnata dalle parole delle canzoni di Patti Smith, Lou Reed, Alanis Morissette e Green Day.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità