sabato , 15 Maggio 2021

Il Bassano cade in casa e perde la vetta

L’aggancio al Novara in vetta alla classifica non riesce al Bassano che cade, in casa, contro il Venezia. I lagunari sbancano il Mercante e tornano a casa con tre punti importanti per lasciare la zona play-out a sette lunghezze, ottenendo così il quarto risultato utile.

Primo tempo emozionante da entrambe le parti che vede i padroni di casa partire subito forte: al 5′ Pietribiasi con un colpo di testa colpisce la traversa, pochi minuti dopo è Furlan a tirare alto a pochi passi dalla porta. Al 19′ Pietribiasi serve Cenetti che mette in mezzo un cross rasoterra, Fortunato anticipa Cattaneo di un soffio. Il Venezia sembra in affanno ma proprio quando la supremazia degli avversari si fa sentire esce lo spirito combattivo dei lagunari. Greco ci prova con un rasoterra dai venti metri, poi Varano parte in contropiede e serve Guerra che solo davanti alla porta si divora il gol. Il vantaggio degli arancioverdi però non tarda ad arrivare: al 30′ ancora un contropiede 4 contro 3 con Zaccagni che serve Guerra. Stavolta il centrocampista non sbaglia e con un diagonale trafigge Rossi. Il Bassano accusa il colpo e non riesce più a rendersi pericoloso se non al 43′ con una punizione calciata da Furlan che arriva sulla testa di Iocolano, ma la sfera lambisce il palo.

Nella ripresa Asta lascia negli spogliatoi Cattaneo e Davì, al loro posto Nolè e Proietti, nella speranza di ritrovare la giusta brillantezza. E il Bassano parte più aggressivo ma spinge senza creare occasioni pericolose. Il Venezia appena può punisce, per la seconda volta, i giallorossi: al 58′ stop di petto di Greco e semirovesciata al volo, Rossi non può nulla. La reazione del Bassano arriva al 65′: Stevanin prova dalla lunga distanza la conclusione potente, pallone di poco alto sopra la traversa. I padroni di casa collezionano calci d’angolo (8 contro i 0 del lagunari) e punizioni senza però mai dare l’impressione di far male. All’89’ Fortunato non riesce a fare sua la palla in area, ma Bizzotto, ben appostato, non calcia con forza e il tiro viene spazzato sulla linea dalla difesa. Al Mercante termina qui: il Bassano mette la parola fine alla serie positiva di risultati che durava da sei giornate e perde la vetta (in attesa della penalizzazione del Novara che potrebbe arrivare domani).

BASSANO – VENEZIA 0 – 2

BASSANO (4-2-3-1): Rossi; Semenzato (27′ st Cortesi), Bizzotto, Priola, Stevanin; Cenetti, Davì (1′ st Proietti), Cattaneo (1′ st Nolè), Iocolano, Furlan, Pietribiasi. A disp.: Grandi, Zanella, Ingegneri, Spadafora. All. Asta

VENEZIA (4-3-1-2): Fortunato; Dell’Andrea, Legati, Cernuto, Capogrosso; Zaccagni (37′ st Peccarisi), Espinal Marte, Varano (44′ st Scialpi); Bellazzini; Greco (28′ st Magnaghi), Guerra. A disp.: D’Arsiè, Callegaro, Scanferlato, Marton. All. Serena

ARBITRO: Di Ruberto di Nocera Inferiore

MARCATORI: pt 30′ Guerra, st 13′ Greco

NOTE: serata mite, terreno in ottime condizioni. Ammoniti: Dell’Andrea e Varano (V), Bizzotto (B) per gioco scorretto, Fortunato (V) per comportamento non regolamentare. Angoli: 8-0 per il Bassano. Recuperi: pt 1′, st 5′.

Monica Zoppelletto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità