Breaking News

Bassano, quattro serate con gli scrittori migranti

Sembra che un fenomeno nuovo si stia facendo strada nel mondo della cultura italiana, Si tratta degli scrittori migranti, talvolta poeti, arrivati nel nostro paese dal sud o dall’est del mondo, assieme a operai e muratori, camerieri e braccianti, colf e assistenti a domicilio. La banca dati Basili (acronimo che sta per Banca dati scrittori immigrati in lingua italiana), istituita nel 1997 da Armando Gnisci, docente di Letteratura comparata all’Università di Roma La Sapienza, è giunta a contarne 481, con una sorprendente prevalenza di donne, che sono il 56% per cento del totale. Sono 1497 le opere letterarie pubblicate, e ben 93 le nazionalità rappresentate.

Prima di qualsiasi valutazione, si considerino le grandi difficoltà che una persona di diversa madrelingua incontra per conquistare in ogni sua sfaccettatura la lingua italiana. Ed anche il senso di colpa che deve avere pensando di aver tradito la propria lingua madre. “Ascolto il mio silenzio: è la paura di morire in un’altra lingua” confida in un suo bel componimento il poeta di origine albanese Gezim Hajdari. Il punto sulla letteratura migrante viene fatto da un quaderno dell’Unar, l’Ufficio nazionale antidiscriminazione razziale, che esalta il ruolo di ponti fra culture di questi autori e ne descrive l’esplosione: tra il 1981 e il 1989 erano state pubblicate infatti appena otto opere in lingua italiana scritte da immigrati. Ora siamo nella fase più evoluta, e anche case editrici di prestigio danno alle stampe i loro scritti.

Per dare loro spazio e offrire occasione di riflessione su questi temi, l’associazione Quarto ponte Centro interculturale, in collaborazione con la Biblioteca civica di Bassano del Grappa, organizza la settima edizione della rassegna letteraria Scrittori migranti in città. Oltre a rappresentare la prosecuzione di un percorso di collaborazione con la biblioteca cittadina, propone una rassegna della letteratura migrante tutta al femminile dal titolo “Un mondo di donne. Racconti al femminile”, rivolta all’est e sud Europa. Quattro scrittrici di nazionalità diverse racconteranno la loro storia, il loro angolo di mondo mediante la sperimentazione letteraria, linguistica e l’indagine sociologica.

Le serate si terranno presso la biblioteca civica di Bassano, nei giovedì di maggio, a partire dalle 20.45. Saranno quattro incontri tematici diversi: una serata Romania, il 7 maggio, con la presenza di Irina Turcanu, una serata Serbia, il 14 maggio con la scrittrice Rada Rajic Ristia. Il 21 maggio ci sarà la serata Grecia, con la scrittrice Helene Paraskeva, e infine la serata Moldavia, il 28 maggio, con Lilia Bicec. Come nelle scorse edizioni, alla fine di ogni incontro si potranno assaggiare dei cibi tradizionali dei paesi di provenienza di ciascun autore. La rassegna ha ricevuto il sostegno della Libreria La Bassanese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *