Arzignano, il linguaggio dei fiori in una mostra mercato

C’è il linguaggio dei fiori al centro della prossima iniziativa di Atipografia, nuovo centro culturale, ad Arzignano, dedicato all’arte contemporanea. “Fiorigrafia. Il linguaggio dei fiori” è infatti il titolo della proposta che inaugura la stagione primaverile del centro, e non è, come si tiene a precisare, una semplice fiera di giardinaggio, ma “un’esperienza che recupera il linguaggio segreto dei fiori, molto in voga nell’Ottocento”.

L’appuntamento, dal gusto un po’ retrò, si propone dunque come una nuova e fresca sperimentazione dell’antico linguaggio floreale: “Che fiore provi per me?”. Per rispondere a questa domanda ai visitatori verrà distribuito un piccolo vademecum per scoprire come comunicare con l’ampia varietà di tipologie e colori di fiori in esposizione, in maniera spiritosa, galante e alternativa. Compreranno, infatti, rose rosse, se devono comunicare amore, i tulipani per esprimere desiderio, e così via.

La manifestazione floreale, unica nel suo genere, e patrocinata dal Comune di Arzignano, si svolgerà dal 24 al 26 aprile, con orario dalle 10 alle 18, all’interno delle sale di Atipografia, ricavate da un’antica tipografia ottocentesca. da segnalare che  negli stessi spazi è allestita anche la mostra personale “Fiori violenti: fototropismo verso la forma”, di Mattia Bosco, alla quale verrà affiancato un secondo evento espositivo dell’artista Maruzza Bianchi Michiel, che si ispirerà alla natura, ai suoi fenomeni e mutamenti servendosi dei fiori, soggetti estetici dall’effimera identità, ma che esprimono continuità nel tempo. L’evento sarà accompagnato da stand gastronomici e artigianali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità