Breaking News

Vicenza, Zaia: “Esercito per il degrado ex Domenichelli”

“Sicurezza significa anche non permettere che a pochi metri dalle scuole si concentrino attività di spaccio e prostituzione come hanno giustamente denunciato i residenti. È una situazione vergognosa e sono certo che, come da ripeto da mesi, che la semplice presenza di un mezzo dell’esercito potrebbe fare da deterrente a chi viene qui senza rispettare residenti, famiglie e soprattutto ragazzi”. Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta la denuncia del degrado dell’area Ex Domenichelli a Vicenza fatta dai residenti.

“È inammissibile – spiega Zaia – che gli abitanti siano costretti ad assistere a questo spettacolo indecente, ed è ancora più grave che tutto questo avvenga a pochi metri da una scuola. Le nostre forze dell’ordine stanno facendo un lavoro straordinario nel controllo del territorio e nella lotta allo spaccio nonostante i tagli di risorse e straordinari fatti dal Governo, ma sono poche e stremate”.

“Residenti, studenti e famiglie – continua Zaia – devono vivere in posto sicuro e non essere spettatori impotenti di certe scene. È una priorità evitare che i nostri ragazzi incontrino uno spacciatore o una prostituta andando a scuola. Senza ombra di dubbio è un fatto di civiltà e dignità”

“La sicurezza – conclude il presidente della Regione – è un aspetto che va garantito “senza se e senza ma” e per questo mi auguro che l’allarme lanciato da questi cittadini venga ascoltato e risolto al più presto. Un intervento che chiediamo da mesi sbattendo i pugni sul tavolo a causa di un bollettino della criminalità che ogni giorno segna la presenza nei nostri territori di situazioni delittuose di ogni genere”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *