Breaking News
Il leader della Lega Nord Matteo Salvini
Il leader della Lega Matteo Salvini - Foto: Fabio Visconti (CC BY-SA 3.0)

Vicenza, Salvini a Campo Marzo per la sicurezza

C’è chi l’ha chiamata festa della legalità, chi manifestazione per la sicurezza, quello che è certo è che vi sarà soprattutto la Vicenza di destra, quella vicina alla Lega Nord, anche se non mancherà sicuramente quella distante dalla politica ma più stanca davanti al diffondersi della microcriminalità nel nostro territorio. Ed il nome di Graziano Stacchio risuonerà spesso. La manifestazione, usiamo questo termine, si terrà domani, sabato 14, a Campo Marzo, dalle 14 alle 18, organizzato da un comitato promotore nel quale c’è anche il sindaco di Albettone Joe Formaggio, che vorrebbe soprattutto ringraziare le forze dell’ordine e chiedere che siano più aiutate nella lotta contro il crimine. Naturalmente però la strumentalizzazione è dietro l’angolo.

Ad esempio, sembra che il benzinaio di Ponte di Nanto sia tirato per la giacca da ogni parte, e domani sarà una specie di Stacchio Day. Sembra che ci sia perfino chi gli ha proposto di entrare in politica, il che dà la misura di quanto si spinga in là voglia di usare anche un tragico evento per i più disparati fini, sebbene quello elettorale rimanga il principale. Di Stacchio insomma, dopo la sua reazione durante la rapina alla gioielleria Zancan, reazione che ha causato la morte di un rapinatore, Albano Cassol, ormai si è fatto un santino da usare per attirare i voti di quei cittadini che, comprensibilmente, hanno paura dei troppi ladri e rapinatori che ci sono in giro. Ed ecco queste manifestazioni, che magari nascono anche sopontanee, ad esempio da gruppi Facebook, ma delle quali ben presto qualcuno si appropria.

Domani a Vicenza, a Campo Marzo, ci sarà quindi anche Matteo Salvini, leader nazionale della Lega Nord, e con lui anche Luca Zaia, presidente della Regione Veneto e candidato alla riconferma tra qualche mese.Due presenze le loro che danno peso alla manifestazione, ma al contempo la trasformano in poasserella politica. Sembra pensarla così ad esempio Forza Nuova, i cui leader vicentini sono molto duri nel commentare la presenza di Salvini e Zaia “ad una manifestazione – scrive in una nota in proposito il coordinatore provinciale, Daniele Beschin,  – che, come richiesto dagli organizzatori, doveva essere apolitica, senza bandiere e popolare, coinvolgendo tutti i cittadini desiderosi di una maggiore giustizia e di una maggiore sicurezza”.

“Temiamo – continua Boschin – di trovarci di fronte ad una manifestazione politica nel vero senso della parola, con tanto di interventi dei candidati alle elezioni regionali del Veneto, ed anche di Matteo Salvini. Ciò che lascia sgomenti e increduli è che la manifestazione per la sicurezza sia di fatto sponsorizzata da coloro che governano il Veneto da oltre 10 anni, senza mai aver fatto nulla, cioè da chi poteva e doveva prendere misure concrete e reali per la sicurezza”.

“Lo stesso Luca Zaia – conclude il coordinatore di Forza Nuova – oltre ad essere governatore uscente, è stato anche ministro nel Governo Berlusconi, dove la Lega Nord occupava poltrone di primissimo piano (Ministero degli interni e Ministero delle riforme istituzionali, su tutti), governa il Veneto da moltissimi anni. Temiamo che la giornata si trasformi nell’ennessimo espediente leghista per fare chiacchiere elettorali e a cui non seguiranno i fatti, così come avviene da 15 anni a questa parte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *