Breaking News

Vicenza, realizzazione del Parco della Pace più vicina

Nuovo importante passo, a Vicenza, verso la realizzazione del parco della pace nell’area dell’ex aeroporto civile Dal Molin. Il bando europeo per l’individuazione di chi dovrà progettare il parco è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta europea e i progettisti interessati dovranno presentare l’offerta entro il 12 maggio. Secondo quanto previsto dalle norme in materia, i partecipanti alla gara dovranno aver espletato, negli ultimi dieci anni, servizi di architettura e ingegneria per almeno a 12 milioni di euro, per interventi del verde e opere per attività ricreativa o sportiva, e per almeno a 1 milione e 600 mila euro per interventi di manutenzione e ristrutturazione di edifici. Dalla data di sottoscrizione del contratto il prescelto avrà 260 giorni di tempo per completare la progettazione.

Achille Variati
Achille Variati

“Siamo a un passaggio decisivo – ha ricordato oggi il sindaco, Achille Variati, – per la realizzazione di un parco che caratterizzerà la Vicenza dei prossimi anni. Non sono molte, infatti, le città d’Italia che possono contare su un’area verde così imponente, appena fuori porta. Uno spazio per il tempo libero, collegato da percorsi ciclabili al centro della città e allo stesso tempo a disposizione del territorio provinciale e interprovinciale. Con la certezza dei finanziamenti e l’obiettivo ormai prossimo del completamento della bonifica bellica, rivelatasi molto più lunga e complessa del previsto, l’individuazione del progettista ci permette finalmente di entrare nel vivo della realizzazione di quest’opera che, peraltro, garantirà il ripristino dell’equilibrio idraulico di tutta la zona”.

L’offerta dei progettisti che intendono partecipare alla gara dovrà contenere schede tecniche relative al massimo a tre servizi, ritenuti dal concorrente significativi della sua capacità di realizzare quanto richiesto, e una relazione tecnica di offerta che illustri come s’intenderebbe affrontare il progetto di conversione dell’area e le modalità di espletamento dell’incarico, che dovrà essere ispirato ai criteri della progettazione partecipata. I criteri per la progettazione dovranno tener conto delle risultanze del processo partecipativo e delle linee guida per la valorizzazione del parco, sintetizzate in sei punti: rispetto della memoria del luogo; caratteristiche ambientali e contenimento dei consumi energetici e delle risorse ambientali; costo di utilizzazione e manutenzione; connessioni territoriali; funzioni e utenze; approccio metodologico.

Chi si aggiudicherà l’incarico dovrà occuparsi della progettazione di opere di realizzazione di verde urbano, aree sportive e terreni di gioco, sistemazioni paesaggistiche, verde attrezzato e interventi di manutenzione e ristrutturazione sugli edifici esistenti, compresa la realizzazione del museo dell’aria, per un importo presunto di 6 milioni e 800 mila di euro. L’importo complessivo a base d’appalto per la progettazione degli interventi è di 372 mila euro. L’aggiudicazione dell’incarico avverrà secondo il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa: nell’attribuzione dei punteggi, curriculum e relazione tecnica varranno il 70%, mentre riduzione percentuale sul prezzo a base d’asta e in riferimento al tempo di progettazione peseranno complessivamente per il 30%. Tutto il necessario su questa pagina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *